Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya

Immagine di copertina

Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: il Langya

Un nuovo virus di origine animale è stato identificato in Cina: si chiama Langya e ha contagiato 35 persone nelle province di Shandong e Henan.

Appartenente al genere Henipavirus, è stato identificato nei tamponi faringei. Secondo uno studio condotto da scienziati di Cina e Singapore, pubblicato sul New England Journal of Medicine, il virus potrebbe provenire dal toporagno.

La prima infezione si è verificata alla fine del 2018 in una paziente di 53 anni con il monitoraggio che ha successivamente portato a individuare altri 34 contagiati.

Non è chiaro se questi abbiano tutti contratto il virus dagli animali, anche se sembrerebbe escluso un legame tra i pazienti, motivo per cui sarebbe da escludere al momento una trasmissione da uomo a uomo. Nessuno dei pazienti contagiati ha perso la vita.

Il Langya virus provoca febbre, tosse e stanchezza, ma può anche compromettere la funzionalità epatica e quella renale. Al momento non esiste un vaccino né una cura per il virus: l’unica terapia è la gestione delle complicanze.

Secondo l’Oms, il genere Henipavirus può causare gravi malattie negli animali e nell’uomo, motivo per cui sono classificati con un livello di biosicurezza 4, ovvero con tassi di mortalità compresi tra il 40 e il 75%.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Esteri / Caso Navalny, l’entourage: “È stato ucciso perché stava per essere liberato in cambio di un ex ufficiale russo detenuto in Germania”
Esteri / Afghanistan, i talebani riprendono le esecuzioni pubbliche negli stadi: “Giustiziati tre uomini in cinque giorni”
Esteri / Iran: il cantante Mehdi Yarrahi va agli arresti domiciliari
Esteri / Biden: “Il buon sesso è la chiave per il successo di un matrimonio”
Esteri / Usa, soldato si dà fuoco davanti all’ambasciata di Israele: “Non sarò complice di un genocidio”
Esteri / Scambio di colpi tra Hezbollah e le Idf in Libano: 2 morti. Israele chiede le dimissioni del segretario generale Onu
Esteri / Burkina Faso, attentato durante la messa nel nord-est: almeno 15 morti e 2 feriti