Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Cina ha inaugurato un radiotelescopio per la ricerca di vita extraterrestre

Immagine di copertina

Il gigantesco strumento d'indagine spaziale, di 500 metri di diametro, ha richiesto un investimento di oltre 160 milioni di dollari e cinque anni di lavoro

Secondo l’agenzia di stampa locale Xinhua, la Cina ha messo in funzione un gigantesco radiotelescopio che potrebbe fornire per la prima volta prove dell’esistenza di vita intelligente extraterrestre, ma per mettere in sicurezza l’area circostante ha deciso di evacuare più di novemila persone.

Il telescopio, nominato FAST (Five hundred meter Aperture Spherical Telescope), ha un diametro di 500 metri ed è il più grande al mondo, avendo superato l’osservatorio Arecibo a Porto Rico, che ha un diametro di “soli” 300 metri. È costituito da quasi 4.500 pannelli mobili, quasi tutti di forma triangolare, che rifletteranno le onde radio provenienti da punti distanti fino a mille anni luce, su una “retina” posta al centro della struttura parabolica.

L’osservatorio cinese, che si trova nella provincia sudoccidentale di Guizhou, ha richiesto un investimento di oltre 160 milioni di dollari e cinque anni di lavoro.

Non solo, gli abitanti dei distretti di Pingtang e Luodian sono stati trasferiti per liberare un’area di circa cinque chilometri di raggio e “creare un ambiente favorevole alle onde elettromagnetiche”, ha dichiarato Li Yuecheng, un dirigente della sezione provinciale del Partito comunista.

Ognuno dei residenti costretti ad abbandonare la propria casa ha ricevuto un risarcimento di circa 1.600 euro dall’ufficio per l’eco-migrazione del governo.

Il progetto ha sollecitato grandi aspettative negli scienziati cinesi. Il telescopio porterà la Cina verso nuove frontiere e aiuterà gli scienziati “nella ricerca per forme di vita intelligente al di fuori della galassia e delle origini dell’universo”, ha dichiarato Wu Xiangping, direttore generale della Società astronomica cinese.

Anche Shi Zhicheng, un astronomo cinese, aveva manifestato un certo entusiasmo per le possibilità aperte dal nuovo telescopio: “Se esistono alieni dotati di intelligenza e se hanno prodotto messaggi che sono stati trasmessi attraverso lo spazio, essi potranno essere captati dal FAST”.

Il South China Morning Post è stato ancora più celebrativo, scrivendo: “Se mai stabiliremo un contatto con gli alieni, la Cina potrebbe giocare un ruolo chiave, i nostri occhi e le nostre orecchie si stanno avvicinando alla possibilità di scoprire la vita su un altro pianeta”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Ti potrebbe interessare
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca