Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cina, è stato inaugurato il ponte più lungo al mondo sul mare

Immagine di copertina

Il progetto unisce le città di Hong Kong, Macao e Zhuhai,ma per l'opposizione della città semiautonoma il vero obiettivo del governo è aumentare il controllo sulla ex colonia

Il presidente cinese, Xi Jinping, ha inaugurato il 23 ottobre il ponte che congiunge Hong Kong, Macao e Zhuhai, secondo quanto riportato dall’agenzia Xinhua.

Si tratta del ponte più lungo mai costruito fino ad oggi sul mare.

“Xi Jinping ha partecipato alla cerimonia e ha annunciato l’apertura ufficiale del ponte”, si legge sull’agenzia di stampa cinese.

La cerimonia di inaugurazione tanto attesa si è svolta nella città di Zhuhai, nella provincia orientale di Guangdong, mentre il governo ha preferito non organizzare alcuna celebrazione a Hong Kong.

Subito dopo l’inaugurazione del ponte, sono state trasmesse alcune immagini di uno spettacolo pirotecnico su uno schermo installato per l’occasione.

Il ponte che unisce Hong Kong e Macao è lungo 55 chilometri ed è composto da un tunnel sottomarino di 6,7 chilometri di lunghezza collegato a due isole artificiali.

Poco prima, il governo aveva inaugurato un altro grande progetto che collega Hong Kong alla Cina: un collegamento ferroviario ad alta velocità.

Il ponte, il cui costo complessivo è di circa venti miliardi di dollari, è stato costruito per resistere ad un terremoto di magnitudo 8.

L’infrastruttura sarà aperta al traffico dal 24 ottobre e permetterà di ridurre il tempo di percorrenza tra le 3 città della Grande area della Baia: il tragitto infatti potrà essere percorso in soli 45 minuti, a fronte delle 3 ore al momento necessarie.

Il ponte fa parte del Piano nazionale cinese per l’urbanizzazione, annunciato nel 2014. L’obiettivo del governo è quello di rendere la Cina un paese ancora più urbanizzato e far fronte al problema dell’immigrazione.

Gli esperti assicurano che il ponte potrà essere usato per i prossimi 120 anni e che avrà un effetto positivo sugli affari.

Secondo alcuni però, la valenza di questa particolare struttura non è solo economica o ingegneristica.

Grazie al ponte, infatti, il governo di Pechino potrà aumentare il suo controllo sulla ex colonia britannica di Hong Kong, secondo quanto afferma l’opposizione della città semi-autonoma.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”