Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il governo cinese contro un’ong

Immagine di copertina

Il ministro degli Esteri cinese ha minacciato di punire Yirenping, un'Ong che ha fatto pressione per la liberazione di 5 attiviste

Il ministro degli Esteri cinese ha minacciato oggi di punire Yirenping, un’importante organizzazione non governativa che ha fatto pressione per il rilascio di 5 sue attiviste, con l’accusa di “aver violato la legge”.

Yirenping è un’ong che si batte contro la discriminazione, che in passato ha difeso i diritti di persone affette da Hiv, epatite B, donne e persone disabili.

L’amministrazione del presidente Xi Jinping ha detenuto centinaia di attivisti negli ultimi 2 anni. Secondo alcuni gruppi di attivisti si tratta del peggior giro di vite contro il dissenso degli ultimi vent’anni.

Alla fine di marzo, alcuni ufficiali di polizia hanno fatto irruzione nella sede di Yirenping e hanno sequestrato alcuni computer portatili presenti nell’ufficio, secondo quanto ha riferito a Reuters il cofondatore dell’Ong, Lu Jun.

L’ong ha fatto pressione per la liberazione delle 5 femministe la cui detenzione ha provocato la protesta da parte dell’Occidente e degli attivisti cinesi. Le donne arrestate, che avevano condotto una campagna contro la violenza domestica e la discriminazione, sono state rilasciate ieri dietro il pagamento di una cauzione.

“Per quanto riguarda l’organizzazione di cui fanno parte, il centro Yirenping di Pechino, anch’essa sarà punita, poiché si sospetta che abbia violato la legge,” ha detto il portavoce del ministero degli esteri Hong Lei.

Non è chiaro che tipo di pena sarà comminata a Yirenping.

Lu, che si trova a New York, non ha risposto alla richiesta di commentare l’accaduto. Le chiamate al suo ufficio di Pechino non hanno ricevuto risposta.

Per più di un mese, Lu ha chiesto la liberazione delle donne, creando un gruppo su Facebook chiamato “Liberate le femministe cinesi”.

Wang Zheng, una ricercatrice dell’Università del Michigan, esperta di donne e questioni di genere in Cina, ha detto che secondo lei le autorità cinesi hanno preso di mira le attiviste perché “vogliono colpire Yirenping“.

“Probabilmente le autorità non vogliono fare troppo scalpore arrestando il capo di Yirenping, quindi hanno arrestato queste giovani donne per mandare un messaggio,” avrebbe detto Wang Zheng in un’intervista pubblicata la scorsa settimana su ChinaChange, un sito sulla società civile cinese.

“Sono riusciti a terrorizzare Yirenping. Non appena queste giovani femministe sono state arrestate, tutti coloro che lavorano a Yirenping hanno saputo che era una questione riguardante l’organizzazione,” ha detto la ricercatrice.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini