Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Cina è la nazione con più caschi blu

Immagine di copertina

Con 2.600 uomini sugli 88mila in forze all'Onu, Pechino vuole aumentare la propria influenza e spera di avere voce in capitolo nella risoluzione del conflitto siriano

La Cina vuole aumentare il suo ruolo nelle operazioni di peacekeeping delle Nazioni Unite. Con 2.600 caschi blu su un totale di 88mila, Pechino adesso è la nazione che contribuisce con il maggior numero di soldati ai contingenti di sicurezza dell’Onu.

E il contributo militare dovrebbe crescere fino a 8mila nel prossimo futuro. Secondo Foreign Policy Pechino si sarebbe candidata a guidare il dipartimento delle Nazioni Unite per le operazioni di peacekeeping, un ruolo dominato dalla Francia per molti anni.

L’obiettivo di Pechino è di aumentare il peso specifico all’interno delle Nazioni Unite, dove spesso gli incarichi nei posti chiave sono occupati dalle potenze occidentali, e avere più voce in capitolo nella risoluzione del conflitto siriano, dove finora la Cina è rimasta ai margini.

Pechino inoltre vorrebbe avere una presenza maggiore in Africa, dove già da alcuni anni sta espandendo la propria influenza economica e nel Medio Oriente perché è preoccupata dell’instabilità che minaccia i suoi approvvigionamenti di petrolio.

Infine, partecipare alle missioni di pace sarebbe un’opportunità per migliorare l’immagine internazionale, visto che gli Stati Uniti sembrano riluttanti a mantenere il loro ruolo di primo piano nei contesti internazionali.

Da alcuni anni la Cina ha pesantemente investito nella sicurezza e nella tecnologia militare, ma gli aerei e le moderne navi da combattimento non sono state ancora realmente impiegate al di là delle esercitazioni.

Pechino ha inviato le prime truppe per un’operazione di peacekeeping nel 2013 in Mali e l’anno scorso ha perso due soldati impiegati per difendere i giacimenti petroliferi del Sud Sudan. Tuttavia un rapporto delle Nazioni Unite aveva accusato le truppe cinesi di essere indisciplinate e disorganizzate.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie. Bozza di tregua ad Hamas: 40 ostaggi per 400 palestinesi. | DIRETTA
Esteri / Arabia Saudita, giustiziate 7 persone per “terrorismo”
Esteri / Alain Delon, sequestrate 72 armi nella sua casa di campagna
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie. Bozza di tregua ad Hamas: 40 ostaggi per 400 palestinesi. | DIRETTA
Esteri / Arabia Saudita, giustiziate 7 persone per “terrorismo”
Esteri / Alain Delon, sequestrate 72 armi nella sua casa di campagna
Esteri / Arrestato a Mosca l’avvocato che ha aiutato la madre di Alexei Navalny a riavere il corpo
Esteri / Trovati morti conduttore tv e il fidanzato steward: arrestato agente di polizia
Esteri / Biennale di Venezia: migliaia di artisti, curatori e direttori di musei chiedono di escludere Israele. Il ministro Sangiuliano: “No agli intolleranti”
Esteri / Francia: sequestrate 72 armi da fuoco ad Alain Delon
Esteri / Russia: l’attivista per i diritti umani Oleg Orlov condannato a 2 anni e 6 mesi di carcere per un post su Fb
Esteri / Principe William diserta una cerimonia importante, “ragioni personali”. Inglesi preoccupati
Esteri / Navalny, la portavoce del dissidente morto in Russia: “Nessuna agenzia funebre disponibile per i funerali”