Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Cina ha cambiato il nome di un fiume: troppo arabo

Immagine di copertina
Il fiume Giallo nella regione di Ningxia

Il fiume Aiyi ricordava la parola araba ayishah e il partito comunista ha scelto un nome ritenuto più adatto alla cultura del paese

Il governo della regione cinese di Ningxia ha cambiato il nome di un suo fiume nel tentativo di sostenere la cultura tradizionale e liberare la regione autonoma delle influenze della religione musulmana.

Aiyi, il vecchio nome cinese del fiume nella zona nord-occidentale della Cina, ricorda  infatti la parola araba “ayishah”, ha spiegato Wang Genming, ricercatrice presso l’istituto Ningxia dell’Università di studi sugli hui, la minoranza musulmana che  costituisce il 36 per cento della popolazione della regione.

Ayishah era anche il nome di una delle mogli del profeta Maometto, ha aggiunto Wang intervistata dal Global Times.

Il governo di Ningxia ha quindi deciso di cambiare il nome del fiume in “Diannong” dopo aver valutato una serie d proposte avanzate dagli esperti locali, secondo quanto riportato dal sito web di notizie del quotidiano Ningxia, che cita l’ufficio per gli affari civili delle regione.

“Diannong” deriva dal vecchio nome della dinastia Han che regnò dal 206 a.C. al 220 d.C. e che aveva scelto come sua capitale la città che attualmente porta il nome di Yinchuan.

Il fiume ha origine nella contea di Yongning, si estende per 180 chilometri e attraversa sei contee prima di confluire nel fiume Giallo vicino alla città di Shizuishan.

Un professore di studi etnici alla Minzu University of China di Pechino ha commentato positivamente la decisione del governo locale di cambiare il nome del fiume.

“La mossa si inserisce nella più ampia politica cinese che mira ad adattare le religioni alla società socialista, nonché alla storia e alla cultura locali”, ha dichiarato Xiong Kunxin al Global Times.

Shen Guiping, un’esperta di religione dell’Istituto centrale del socialismo, ha dichiarato che “il fiume Diannong può meglio trasmettere lo spirito della cultura tradizionale cinese e risalire alla storia”.

Prima del fiume, la politica del cambio di nome era stata applicata anche a strade, quartieri e ristoranti per “riflettere meglio la cultura cinese”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Esteri / L'esercito israeliano chiude sei Ong palestinesi etichettate come terroriste: "Attacco alla libertà"
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte
Esteri / Regno Unito, uomo arrestato nel parco di Windsor a Natale: “Sono qui per uccidere la Regina”
Esteri / Londra, incendio tra London Bridge e Waterloo East. “Tenete chiuse porte e finestre”