Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il video shock dal Cile: “Poliziotti sniffano cocaina prima di picchiare i manifestanti”

Tre poliziotti si riuniscono in mezzo alla strada e maneggiano qualcosa, poi portano le mani al volto. Molti utenti dei social network non hanno dubbi: gli agenti stanno sniffando cocaina. Il video shock arriva dal Cile, teatro negli ultimi giorni di violenti scontri tra i manifestanti anti-governativi e le forze dell’ordine.

Nel filmato, girato probabilmente dalla finestra di un palazzo, non si distingue esattamente cosa stiano facendo i poliziotti. La clip, però, è diventata virale e molti l’hanno condivisa parlando di agenti che sniffano cocaina prima di andare a picchiare i manifestanti.

Nelle proteste in Cile finora sono morte 18 persone. Decine di stazioni della metropolitana sono state prese d’assalto e si sono registrati episodi di saccheggio in molti negozi. Il presidente Sebastian Pinera e l’esercito hanno proclamato lo stato di emergenza e hanno imposto un coprifuoco notturno per tutta la popolazione, un provvedimento che non si vedeva nel paese dalla fine della dittatura di Augusto Pinochet, nel 1990.

Nelle ultime ore il presidente Pinera ha chiesto “perdono” per non aver compreso la drammaticità della situazione sociale esistente nel paese e ha annunciato una serie di proposte per “una agenda sociale di unità nazionale”.

A scatenare le proteste è stato, in particolare, l’annuncio da parte delle autorità dell’aumento del 4 per cento dei prezzi del biglietto della metropolitana, ma secondo diversi analisti il provvedimento è stato solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso di un malcontento crescente nella popolazione. Il rincaro previsto è stato sospeso, ma il dietrofront non è servito a fermare la protesta.

“In Cile il governo di Piñera sta reprimendo chi lotta contro le diseguaglianze sociali”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Giornalista palestinese incinta uccisa dalle bombe a Gaza: aveva 30 anni
Esteri / Nuovi raid su Gaza e razzi su Israele, sale il bilancio delle vittime. Netanyahu: “Tregua lontana”
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Giornalista palestinese incinta uccisa dalle bombe a Gaza: aveva 30 anni
Esteri / Nuovi raid su Gaza e razzi su Israele, sale il bilancio delle vittime. Netanyahu: “Tregua lontana”
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti