Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gran Bretagna, condannata coppia neonazista che aveva chiamato il figlio Adolf

Immagine di copertina
La fotografia che immortala la coppia accusata di essere nazista

I due genitori sono stati accusati di istigazione all’odio e diffusione di idee razziste

Il secondo nome che hanno dato al figlio è Adolf, in onore di Hitler. Un elemento che poteva essere già un campanello di allarme. In Gran Bretagna, infatti, due genitori sono stati condannati. È stata riconosciuta la loro appartenenza al Na, il gruppo neonazista National Action. Un’organizzazione bandita nel Regno Unito in quanto di matrice terroristica, e poi fondata con nuove sigle.

Chi è la coppia condannata per nazismo

Adam Thomas, di 22 anni anni, e la compagna portoghese più grande di lui, Claudia Patatas (38enne) vivono a Banbury, nella contea dell’Oxfordshire. Entrambi sono stati condannati – con loro anche Daniel Bogunovic, di Leicester, 27 anni – dalla Birmingham Crown Court. La giuria ha espresso un parere unanime e li ha riconosciuti colpevoli di istigazione all’odio e diffusione di idee neonaziste, razziste e basate sul “suprematismo bianco” di origine americana.

Le fotografie mostrate durante il processo

Il processo è durato quattro settimane. Durante il dibattimento sono state mostrate alcune fotografie dell’uomo: in una di queste Adam tiene in braccio il bambino e indossa vestiti simili a quelli che caratterizzano l’abbigliamento del Ku Klux Klan.

“Si trattava soltanto di un gioco” ha affermato il 22enne davanti al giudice. Ha confessato, però, di essere razzista. Per la giuria non ci sono dubbi sulla sua “fede fervente nel suprematismo bianco”.

Il gruppo nazista National Action

“Dopo che la National Action è stata messa fuori legge, è diventata clandestina e ha cambiato il suo nome, ma non è scomparsa – ha dichiarato Deb Walsh, procuratore – I suoi membri hanno continuato a credere nella loro visione razzista e neonazista del mondo”. “Inoltre – ha aggiunto Walsh – sono rimasti in contatto tramite app di messaggistica criptate e hanno organizzato incontri per mantenere vivo il gruppo”.

Il National Action è stato fondato nel 2013 a Warrington, in Inghilterra. Si contano al suo interno almeno 100 membri.

Le indagini della magistratura

Altre persone sospettate di far parte dell’organizzazione neonazista saranno giudicate nei mesi a venire. Almeno tre di loro sono amici della coppia condannata e hanno ammesso di essere colpevoli. Coinvolti anche diversi militari dell’esercito della regina Elisabetta che probabilmente nutrono simpatie per l’estrema destra.

Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio