Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Chi ha picchiato Cenerentola?

Immagine di copertina

Ovvero: perché reinterpretare i personaggi della Disney sta diventando un'ossessione

Principesse Disney che si fanno i selfie. Cenerentola con l’occhio nero vittima dell’abuso domestico sulle donne. Jasmine violentata dal padre. Minnie che si fa un bong. Belle senza veli come Miley Cyrus.

Da qualche mese a questa parte, artisti, blogger e fotografi hanno iniziato a immaginare e ridisegnare i principali personaggi della Disney. Siti e giornali online hanno dato ampio spazio a questo fenomeno, che con il tempo è diventato virale. Ma perché le icone della nostra infanzia vengono reinterpretate in modo così politicamente scorretto?

Trasformare i personaggi Disney in depravati criminali e principesse violentate equivale a rivoltare completamente il tradizionale significato del “E vissero felici e contenti”. Le vittime di stupro, che siano principesse o meno, non hanno un finale felice.

Quelle che un tempo riconoscevamo come figure modello ci si presentano oggi come esseri umani travolti dai problemi che, spesso, affliggono la nostra vita contemporanea e toccano le grandi tematiche del ventunesimo secolo: dalla corruzione alla libertà di stampa, passando per la violenza sessuale, l’immigrazione e la discriminazione sociale.

La prima a squarciare il velo sulla sacralità di questi personaggi fu la scrittrice americana Peggy Orenstein, che nel 2006 criticò duramente il modello che la Disney aveva imposto negli anni a tutte le ragazze e i ragazzi del mondo.

Ovvero: principesse dagli occhi grandi, donne dalla pelle bianca e candida, e vita stretta. Con un unico obiettivo nella vita: trovare un principe da sposare.

Oggi, però, la libertà sulla rilettura di queste icone è andata ben oltre una semplice critica. Le principesse Disney non sono solamente cartoni animati, ma un franchising: un’azienda che fattura 1,5 miliardi di dollari all’anno solamente negli Stati Uniti. La Disney e i suoi personaggi sono un brand internazionale.

Vedere le principesse ritratte in atteggiamenti diversi da quelli cui siamo soliti riconoscerle suscita facilmente la curiosità di chi per anni è cresciuto con quelle icone. Ed è proprio per questo che sui social network e i siti di mezzo mondo hanno potuto spopolare le parodie sui personaggi che più di ogni altra cosa ci portano indietro con gli anni a un senso di innocenza e genuinità.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Esteri / Burkina Faso, strage di cristiani in un villaggio. Ci sono almeno 22 morti
Esteri / Chi è Robert Crimo, il rapper arrestato per la sparatoria del 4 luglio in Illinois
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Esteri / Burkina Faso, strage di cristiani in un villaggio. Ci sono almeno 22 morti
Esteri / Chi è Robert Crimo, il rapper arrestato per la sparatoria del 4 luglio in Illinois
Esteri / Guerra in Ucraina. Nato: Stoltenberg, avviata ratifica adesione Svezia-Finlandia
Esteri / Usa, sparatoria alla parata del 4 luglio nell’area di Chicago: “almeno 5 morti e 16 feriti”
Esteri / Ricky Martin accusato di violenza domestica nei confronti dell’ex
Esteri / Usa, 25enne afroamericano ucciso con 60 colpi di pistola dalla polizia durante in inseguimento: il video
Esteri / Anticipazione TPI – Il razzismo verso afroamericani e minoranze negli Usa raccontato da “Il fattore umano”
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: "Occidente non permette la pace”. Kiev: “Negoziati solo dopo cessate il fuoco”
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere