Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Chi è il pupazzo che si è candidato contro Theresa May

Immagine di copertina

La storia di Bobby Smith e di perché si veste in questo modo singolare

In quasi tutte le immagini della premier britannica Theresa May al seggio durante le elezioni britanniche dell’8 giugno nel suo collegio di Maidenhead si può vedere un personaggio che indossa il costume di un pupazzo rosso, molto simile al Gabibbo di Striscia la Notizia ma dal fisico più slanciato. Non si tratta semplicemente di un figurante: quel pupazzo, o meglio l’uomo che ne indossa il costume, era candidato contro Theresa May per ottenere un seggio alla Camera dei Comuni.

Nel Regno Unito, candidarsi alla camera anche senza avere alcun consenso contro un politico di primo piano, in primis il premier, è una cosa che da visibilità, non tanto per i dibattiti in vista del voto, quanto perché al termine delle operazioni di scrutinio avviene la proclamazione dell’eletto alla presenza di tutti i candidati. Di conseguenza, quando avviene la proclamazione del parlamentare eletto in un seggio con un politico in vista, l’attenzione dei media si sposta su questo evento, e tutti i candidati, anche quelli che ottengono pochi voti, hanno alcuni minuti di visibilità.

Per questo nel Regno Unito c’è una grande tradizione di candidature satiriche e di attivisti che usano costumi particolari per attirare la propria attenzione su un determinato tema. Il caso di Bobby Smith, il candidato vestito da pupazzo rosso, rientra nella seconda categoria.

Smith, camionista di 34 anni, è infatti un padre separato che si batte per poter vedere i propri figli dai quali è stato costretto a stare lontano a causa di un ordine restrittivo. Nel battersi per questa battaglia, Smith ha deciso di vestirsi da Elmo, pupazzo rosso del popolare show britannico Sesame Street.

In questa veste e con il movimento da lui fondato Give Me Back Elmo si è candidato più volte alle elezioni, ottenendo pochi voti ma comunque visibilità. Nel 2015 si è candidato nel collegio di Witney andando a sfidare l’allora premier conservatore David Cameron: in quell’occasione Smith ottenne 37 voti. Nel 2016 ha provato a correre per il consiglio comunale di Stevenage, ma si è fermato a 23 voti. Nel 2017, invece, come detto ha corso al collegio di Maidenhead contro la premier Theresa May, ottenendo stavolta solamente 3 voti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa
Esteri / La macchina da guerra dell’intelligenza artificiale che ha aiutato Israele a distruggere Gaza
Esteri / Ilaria Salis è libera, tolto il braccialetto elettronico
Esteri / Gaza: 37.266 vittime dal 7 ottobre. Msf: "7 morti, compresi 3 bambini, in un raid di Israele nel nord di Gaza". Hamas: due ostaggi uccisi in un attacco aereo israeliano a Rafah. Usa sanzionano un gruppo di estrema destra in Israele. Libano, raid dell’Idf: “1 morto e 7 civili feriti”. Il premier libanese Mikati: "Attacco terroristico". Hezbollah lancia razzi sul nord dello Stato ebraico. Media: "Idf propongono di rinunciare a Rafah e concentrarsi sul Libano"