Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi distruggerà l’arsenale di Assad

Immagine di copertina

Saranno gli Stati Uniti a neutralizzare le armi più letali dell'arsenale chimico siriano

Ahmet Üzümcü, presidente dell’Opac – l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche – venerdì 29 novembre ha annunciato che gli Stati Uniti si sono offerti di contribuire all’operazione di eliminazione dell’arsenale chimico siriano, rendendo inoffensive le armi più letali “con la propria tecnologia di distruzione”, e a bordo di una loro imbarcazione.

Secondo “Associated Press” la nave americana sarà la Usns “Cape Ray”. Dovrebbe stazionare nel Mediterraneo, fuori dalle acque continentali siriane, e ricevere tutto il materiale collezionato e trasportato da diverse parti della Siria nel porto di Latakia, il più grande del Paese. Secondo i piani l’operazione dovrà essere completata entro il 31 dicembre 2013.

La “Cape Ray” è una nave da trasporto di 197 metri, che verrà allestita per l’occasione per ospitare al suo interno due “Field Deployable Hydrolysis Systems” (sistemi da campo per l’idrolisi), sviluppati dal Pentagono e composti da un reattore al titanio che permette la scissione molecolare dei composti chimici, attraverso acqua ad alte temperature.

Gli Stati Uniti sostituiranno la Norvegia e l’Albania – di cui si era parlato nelle ultime settimane – che si sono rifiutate di procedere allo smaltimento dei composti sul proprio territorio.

Per quanto riguarda il resto dell’arsenale chimico di Assad, alcuni dei materiali meno offensivi e considerati “meno prioritari”, destinati all’uso industriale, saranno distrutti da società private, che hanno presentato offerte adesso al vaglio dell’Organizzazione. Il costo dell’operazione si aggira intorno ai 50 milioni di euro. Ahmet Üzümcü ha lanciato un appello ai Paesi membri dell’Opac perchè finanzino il fondo speciale istituito per il piano di distruzione.

L’obiettivo è quello di rimuovere tutto il materiale dal territorio siriano entro il 5 febbraio del 2014 e di distruggerlo entro metà dello stesso anno.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda