Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Che fine ha fatto Kony

Immagine di copertina

La Repubblica Centrafricana sta trattando per la resa del criminale internazionale Joseph Kony

Il governo della Repubblica Centrafricana ha dichiarato di essere in trattative con il famigerato leader ugandese del movimento LRA Joseph Kony per negoziarne la resa. Kony è ricercato dalla Corte Internazionale di Giustizia per crimini di guerra commessi con la sua milizia di circa 500 combattenti della LRA, il movimento di resistenza che mirava ad instaurare un “regime cristiano dei 10 comandamenti” in Uganda.

Adesso, Kony sembra pronto ad arrendersi e per la prima volta dopo molti anni le autorità sono venute a conoscenza della sua posizione, ma secondo la BBC il criminale non avrebbe intenzione di venire allo scoperto prima di aver ottenuto la garanzia della sua sicurezza personale.

Gli Stati Uniti, che avevano offerto 5 milioni di dollari come ricompensa per l’arresto di Kony, ora promuovono un rinforzo della condizione di sicurezza in Repubblica Centrafricana. Giovedì, il segretario di stato John Kerry ha annunciato che la violenza e la mancanza di uno stato di legge in Repubblica Centrafricana sono una minaccia per la popolazione. Gli Usa hanno promesso 42 milioni di dollari alle forze di peacekeeping guidate dall’Unione Africana per porre fine alla spirale di violenza in cui è precipitato il Paese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / L’allarme di Kiev: “Navi russe con 84 missili nel Mar Nero e nel Mediterraneo”
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / L’allarme di Kiev: “Navi russe con 84 missili nel Mar Nero e nel Mediterraneo”
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”
Esteri / “Diritti tutelati dalla legge”: la Cina si difende dalle accuse di repressione del dissenso per le politiche anti-Covid
Esteri / Iran, 16enne uccisa perché indossava un cappello da baseball al posto dell’hijab
Esteri / Mondiali, famiglie dei calciatori dell’Iran minacciate: “Violenze e torture se manifesteranno ancora contro il regime”
Esteri / Va dall'oculista per un banale controllo agli occhiali e torna a casa cieco
Esteri / Wikileaks, Lula chiede la liberazione di Assange: “Che crimine ha commesso?”
Esteri / Patrick Zaki, udienza aggiornata al 28 febbraio. Gli attivisti: “Memoria difensiva inascoltata”
Esteri / Ucraina, Kiev ripiomba nel buio: “Possiamo garantire la corrente massimo 6 ore al giorno”