Covid ultime 24h
casi +20.884
deceduti +347
tamponi +358.884
terapie intensive +84

Si fa allungare il pene, ma qualcosa va storto: ultramiliardario cercatore di diamanti muore sotto i ferri

Ehud Arye Laniado aveva scelto una clinica di Parigi per l'operazione, ma ha avuto un attacco di cuore

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 7 Mar. 2019 alle 08:19 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 23:34
0
Immagine di copertina
Credit: Getty Images

CERCATORE DIAMANTI ALLUNGAMENTO PENE – La vita gli aveva già dato tanto, ma non abbastanza, a quanto pare, perciò un ultramiliardario ha deciso di sottoporsi a un’operazione di allungamento del pene. Ma qualcosa durante l’intervento è andato storto e da quella sala operatoria, l’uomo è uscito morto.

Protagonista della vicenda è il 65enne Ehud Arye Laniado, che per esaudire il suo desiderio aveva scelto una clinica privata nel cuore di Parigi. Lo scorso 2 marzo, l’uomo è entrato nella struttura convinto di uscirne qualche ora dopo diverso e invece, quando era sotto ai ferri, il cuore ha ceduto e l’uomo è morto.

Secondo quanto riportano i media locali, il cuore del 65enne non avrebbe retto a un’iniezione. Ancora da capire perché il cuore di Ehud Arye Laniado. Il sospetto maggiore per ora è che si sia trattato di shock anafilattico, ma questo sarà solo l’esame autoptico a dirlo.

Ehud Arye Laniado, belga-israeliano, aveva iniziato la carriera nel mondo dei diamanti oltre 40 anni fa. Il suo conto bancario è lievitato negli anni, ma non se ne conosce la portata esatta. Secondo i media, però, pare che il 65enne non fosse affatto soddisfatto del suo aspetto fisico.

Di bassa statura, secondo i suoi amici più stretti Laniado soffriva del cosiddetto complesso di Napoleone. L’uomo era conosciuto come “l’argentino” a Omega Diamonds “perché sembrava un ballerino di tango”.

Gli amici confermano che Laniado era ossessionato dalla sua fisicità, “sempre concentrato sul suo aspetto e su come gli altri lo percepivano”.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Secondo quanto riferito, Laniado possedeva l’attico più costoso di Monaco del valore di oltre 30 milioni di sterline e una casa nel lussuoso sobborgo di Los Angeles di Bel Air, dove amava bere bottiglie di Chateau Margaux con modelle e celebrità.

Secondo i media locali, Laniado non è andato all’università e ha iniziato la sua carriera come massaggiatore presso l’hotel Hilton di Tel Aviv.

Un amico ha detto: “Ad Anversa, si è scoperto che aveva del talento. A livello internazionale, è stato uno dei più grandi esperti nella valutazione dei diamanti grezzi. ”

Nel 2015, Laniado ha venduto il diamante più costoso del mondo chiamato Blue Moon of Josephine ad un uomo d’affari di Hong Kong (un criminale conannato), Joseph Lau Luen Hung, per 36,8 milioni di sterline.

LEGGI ANCHE: Monza, 39enne in fin di vita per un intervento di chirurgia estetica

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.