Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Centinaia di migranti entrano a Ceuta, forzate le barriere tra il Marocco e l’enclave spagnola

Immagine di copertina

Oltre 400 persone provenienti dall'Africa subsahariana sono riuscite a oltrepassare il muro che circonda la città. Diversi gli agenti feriti

Circa 500 migranti hanno forzato il 16 febbraio le recinzioni che circondano l’enclave spagnola di Ceuta, al confine con il territorio marocchino. A riferirlo l’agenzia di stampa spagnola EFE, che cita fonti della polizia, e l’emittente localo Faro TV, che è risucita a registrare alcune immagini di quanto accaduto. 

All’azione avrebbero partecipato oltre 800 persone, molte delle quali sono state fermate, mentre altre sarebbero riuscite a sfuggire dalla polizia. Gli agenti non ha potuto fermare il gran numero di premevano sulle entrate. Due migranti e tre poliziotti spagnoli sono rimasti leggermente feriti.

Ceuta ha uno status a metà strada tra quello di un comune e quello di una comunità autonoma. Una fitta rete di otto chilometri è stata costruita per impedire l’ingresso dei disperati provenienti dal resto del territorio africano.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Esteri / Caso Navalny, l’entourage: “È stato ucciso perché stava per essere liberato in cambio di un ex ufficiale russo detenuto in Germania”
Esteri / Afghanistan, i talebani riprendono le esecuzioni pubbliche negli stadi: “Giustiziati tre uomini in cinque giorni”
Esteri / Iran: il cantante Mehdi Yarrahi va agli arresti domiciliari
Esteri / Biden: “Il buon sesso è la chiave per il successo di un matrimonio”
Esteri / Usa, soldato si dà fuoco davanti all’ambasciata di Israele: “Non sarò complice di un genocidio”
Esteri / Scambio di colpi tra Hezbollah e le Idf in Libano: 2 morti. Israele chiede le dimissioni del segretario generale Onu
Esteri / Burkina Faso, attentato durante la messa nel nord-est: almeno 15 morti e 2 feriti