Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Austria vuole demolire la casa in cui nacque Hitler

Immagine di copertina

Il governo vuole impedire che l'edificio diventi un luogo di pellegrinaggio dei neonazisti e ha proposto una legge per sequestrare l'immobile alla proprietaria

Il governo austriaco intende sequestrare la casa in cui è nato Adolf Hitler per impedire che diventi un luogo di pellegrinaggio per i neonazisti. Il ministro dell’Interno ha anche manifestato l’intenzione di demolirla.

La famiglia Hitler ha vissuto nella casa di Braunau sul fiume Inn per soli tre anni intorno alla data di nascita di Adolf, il 20 aprile 1889, ma il destino dell’edificio di tre piani di un colore giallo pallido è da tempo oggetto di controversia.

Un portavoce del ministero degli Interni ha reso noto che il governo ha proposto una legge per acquisire la proprietà da una donna del posto, che si era rifiutata di venderla allo stato.

“La decisione è necessaria perché la repubblica intende impedire che la casa diventi un luogo di culto per i neonazisti, cosa che si è verificata in passato”, ha dichiarato il ministro dell’Interno Wolfgang Sobotka.

“La mia idea è quella di demolire la casa”, ha aggiunto. Sarà tuttavia una commissione ad hoc costituita da 12 membri a decidere del fato dell’edificio.

La proprietà appartiene a una pensionata locale, a cui il governo austriaco paga un affitto dal 1972, costo che attualmente è di 4.800 euro al mese.

L’edificio ha ospitato seminari per persone disabili, ma è vuoto dal 2011 perché la donna ha respinto le proposte di utilizzo dell’immobile e quelle di acquisto da parte dello stato.

Una volta che la proposta di legge passerà in parlamento, la proprietaria non avrà alcun diritto di appellare la decisione o negoziare il risarcimento, che corrisponderà alla somma pagata ai proprietari degli immobili sfrattati per far posto alla costruzione della linea ferroviaria.

La Germania nazista annesse l’Austria nel 1938. Si discute ancora se gli austriaci siano stati complici consenzienti, dato che molti di loro reagirono con entusiasmo al ritorno in patria di Adolf Hitler, o se al contrario sono stati le prime vittime della dittatura che avrebbe ridotto in macerie l’Europa e fatto decine di milioni di vittime.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco