Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’inno anti-Trump di Rachel Bloom e altre celebrità

Immagine di copertina

L'attrice statunitense si schiera contro il candidato repubblicano con una canzone in stile "We are the world" per chiedere agli americani di andare a votare

A pochi giorni dalle elezioni presidenziali anche l’attrice e comica statunitense Rachel Bloom, protagonista della famosa serie americana Crazy ex-girlfriend, ha deciso di scendere in campo schierandosi contro il candidato repubblicano Donald Trump con una canzone in stile “We are the world” in collaborazione con il sito Funny or Die.

Al video hanno partecipato anche molte altre celebrità tra cui Elizabeth Banks, Moby, Adam Scott, Jaime Camil, Naya Rivera, Jesse Tyler Ferguson, Jane Lynch e Patti LuPone.

La canzone, intitolata “Holy Shit (You’ve Got to Vote)” spinge gli americani ad andare a votare e indica loro anche abbastanza chiaramente per chi non votare. Nel testo si legge infatti:

“Se non interveniamo per evitarlo saranno quattro anni di The Apprentice” (la nota serie televisiva con Donald Trump, ndr)

“Donald Trump è la sifilide umana, ma ci potrebbe essere l’antidoto“.

Bloom ha detto alla rivista Entertainment Weekly che il suo obiettivo non è necessariamente di far cambiare idea agli elettori di Trump, ma di mobilitare le persone che potrebbero non votare affatto. “Se questo video motiva anche solo una persona, specialmente in uno stato in bilico, ad andare a votare, allora ne sarà valsa la pena”.

Qui sotto il video della canzone:

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa
Esteri / Usa pongono il veto al Consiglio di sicurezza Onu sulla risoluzione dell'Algeria per una tregua nella Striscia. Israele, ministro Smotrich: riportare a casa gli ostaggi "non è la cosa più importante"
Esteri / Ucraina, media: “Gli Usa valutano la fornitura di missili a lungo raggio ATACMS a Kiev”
Esteri / Papua Nuova Guinea, scontri tra tribù rivali: almeno 49 morti
Esteri / Regno Unito: scatta il bando totale ai telefoni cellulari nelle scuole
Esteri / Le lettere di Navalny dal carcere: "Qui non è cambiato nulla dall'Urss"