Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Uomo cannibale strappa il cuore e un polmone alla fidanzata e li mangia con un bicchiere di vino

Immagine di copertina
Ekaterina Nikiforova e Alexey Yastrebov, vittima e carnefice.

L'uomo, 35 anni, è stato condannato a 12 anni di carcere e a trattamento psichiatrico coatto

Aveva sferrato una coltellata al pomo d’Adamo della fidanzata, le aveva strappato il cuore e un polmone e poi li aveva mangiati. È successo lo scorso marzo in una cittadina della Siberia, Krasnoyarsk, e ora Alexey Yastrebov, 35 anni oggi, è stato condannato a 12 anni di carcere e trattamento psichiatrico coatto per aver ucciso con 129 coltellate e poi divorato la sua compagna, Ekaterina Nikiforova, 27 anni.

Tutto era iniziato con un litigio. L’uomo al culmine della furiosa lite con la 27enne aveva preso un coltello da cucina e non ci aveva pensato due volte a uccidere Ekaterina. 129 colpi inflitti sul corpo della donna e al termine dell’aggressione, Alexey Yastrebov ha estratto alcuni organi dal cadavere.

A quel punto, il 35enne ha preso un pentolino, l’ha riempito d’acqua e ha bollito cuore e polmone sinistro di Ekaterina Nikiforova. Ha atteso che gli organi cuocessero, per poi sedersi a tavola e mangiarli, accompagnando il pasto con un bicchiere di vino, secondo quanto riportano i media locali.

Solo alla fine ha chiamato la sua padrona di casa e ha chiesto di allertare la polizia.

La madre di Ekaterina, che lascia due figli, si è lamentata per la pena troppo lieve. “Avrebbero dovuto dargli l’ergastolo in mancanza della pena di morte”, ha detto.

Con uno “strano sorriso”, dopo aver compiuto il folle gesto, Alexey Yastrebov ha rivelato a un suo amico: “Ti ho detto che avrei mangiato il suo cuore. Così ho fatto”. L’amico inorridito ha detto che accanto a lui c’era una bottiglia: “Mi ha detto che ha bevuto del vino mentre mangiava il cuore della sua fidanzata”.

Davanti ai giudici, l’uomo ha implorato il perdono della madre e della vittima: “Spero che un giorno parenti e amici possano perdonarmi, ma io non riuscirò mai a perdonare me stesso”.

La madre distrutta dal dolore ha risposto che non lo perdonerà mai: “Chi ridarà indietro a una madre i figli?”. La figlia della vittima, Alina, di nove anni, è in cura da quando la madre è stata brutalmente uccisa. “Non riesce a farcela”, ha detto la nonna, che si sta prendendo cura di lei e della sorellina più piccola, Alina, di tre anni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)