Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Camera dei Lord britannica ha votato contro il governo per proteggere i diritti dei cittadini Ue

Immagine di copertina

La sconfitta del governo alla Camera Alta non ostacola di fatto la procedura Brexit, ma la rallenta

La Camera dei Lord ha votato contro il disegno di legge presentato dal governo che autorizza l’uscita del Regno Unito dalla Unione europea. L’emendamento, che richiede che siano garantiti i diritti dei cittadini europei residenti nel Regno Unito, ha ottenuto 358 voti a favore e 256 contro. Riguarda, in via approssimativa, circa 3 milioni di persone. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Questa sconfitta all’interno della Camera Alta non ostacola di fatto la procedura Brexit, ma introduce la richiesta che entro tre mesi siano introdotte misure per rendere uguali i diritti di cittadinanza delle persone provenienti da paesi Ue già residenti nel paese.

Il disegno di legge dovrà tornare alla Camera dei Comuni, che nella prima lettura proposta dal governo l’aveva approvato senza emendamenti. 

Su questo punto il governo Tory aveva garantito che tali diritti sarebbero stati rispettati all’interno di un accordo di reciprocità, ossia con le stesse garanzie per oltre un milione di cittadini britannici sparsi nel continente europeo.  

Se la Camera dei Comuni voterà a favore dell’emendamento presentato dai Lords, allora la procedura si allungherà considerando la nuova discussione. In ogni caso è questa camera “elettiva” ad avere la meglio, in virtù del fatto di essere democraticamente eletta e avendo comunque l’ultima parola.

Tramonta l’ipotesi di poter annunciare la partenza dei negoziati sul divorzio già dal prossimo vertice Ue del 9 e 10 marzo. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto, incendio in una chiesa copta a Giza: almeno 41 i morti
Esteri / Taiwan, dopo Nancy Pelosi arriva a sorpresa sull’isola un’altra delegazione del Congresso Usa
Esteri / Washington, uomo si schianta con auto in fiamme contro il cancello di Capitol Hill
Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto, incendio in una chiesa copta a Giza: almeno 41 i morti
Esteri / Taiwan, dopo Nancy Pelosi arriva a sorpresa sull’isola un’altra delegazione del Congresso Usa
Esteri / Washington, uomo si schianta con auto in fiamme contro il cancello di Capitol Hill
Esteri / Dopo Rushdie, minacce di morte anche alla scrittrice J.K. Rowling: “La prossima sarai tu”
Esteri / Gerusalemme, attacco contro un bus: almeno otto feriti
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco