Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Restano solo 20 anni per salvare il Pianeta”: l’allarme clima dell’Istituto Superiore di Sanità

Immagine di copertina
Credit: Orlando Sierra / AFP

I morti legati ai cambiamenti climatici sono 7 milioni nel mondo  

A causa dei cambiamenti climatici, il caldo è arrivato ad uccidere.

Le vittime del cambiamento climatico hanno un incremento costante di anno in anno, secondo l’Istituto superiore di Sanità “Ci restano solo 20 anni per dare una svolta a questa situazione”.

Il pianeta a tempo determinato

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Walter Ricciardi spiega  che “Restano a disposizione due generazioni, ovvero 20 anni, per salvare il pianeta dai cambiamenti climatici e dagli effetti devastanti che questi avranno sulla salute dell’uomo e dei territori”.

La clessidra scorre inesorabile, e non si può più essere indifferenti: “È questo il tempo che ci rimane per mettere in atto misure concrete- continua Ricciardi – Fra 20 anni potrebbe già essere troppo tardi. Già oggi le morti in Europa legate ai cambiamenti climatici sono migliaia l’anno, ma saranno milioni nel prossimo futuro se non si agisce subito”.

I dati

I morti legati ai cambiamenti climatici sono 7 milioni nel mondo e in Italia il 12% dei ricoveri pediatrici in ospedale sono legati all’inquinamento.

Anche il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, che in occasione dell’apertura della Conferenza climatica COP24 a Katowice ha dichiarato “Quella del clima è già oggi una questione di vita o morte”.

I rischi più grandi

Nel 2003 si è raggiunto un picco: 70 mila morti per troppo calore. Il rischio principale è che i nostri nipoti non possano più stare all’aria aperta per gran parte dell’anno. Ma perché? A causa dell’aumento delle temperature che porterà ad un incremento delle vittime, i 70mila morti del 2003 dovrebbero farci riflettere su quanto questo rischio sia concreto.

Non si tratta di problemi del nostro futuro. Ma del nostro presente.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità