Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La California vieta l’ingresso a scuola prima delle 8.30. Gli studenti devono dormire di più

Immagine di copertina

Per il governatore Gavin Newsom bambini e adolescenti hanno bisogno di riposare più a lungo di quanto lo Stato americano fino ad ora ha concesso

In California è vietato entrare a scuola prima delle 8.30: i bambini devono dormire

Il governatore della California, Gavin Newsom, ha firmato una legge che prevede l’entrata a scuola non prima delle 8.30, con l’intento di permettere a bambini e adolescenti di dormire più a lungo.

La misura impone alle scuole di far suonare la campanella alle 8.30, ritardando così di mezz’ora il normale orario d’ingresso. Ma gli alunni devono aspettare per gioire e godere della nuova legge, perché il governatore ha concesso alle scuole un arco di tempo abbastanza lungo per mettersi in regola: la scadenza per rivedere i propri orari d’ingresso è il primo luglio 2022.

La normativa accoglie la protesta dei genitori californiani, i quali da anni sostengono che i figli dovrebbero poter dormire più a lungo la mattina per preservare la propria salute e aumentare il profitto scolastico. Lo sostiene anche l’associazione dei pediatri americani, la American Academy of Pediatrics, che dal 2014 promuove la riforma e sostiene che dormire troppo poco mette a rischio la salute fisica e mentale degli adolescenti, così come il loro rendimento.

Alla base dello studio risiede anche il fatto che, durante la pubertà, gli adolescenti hanno difficoltà ad addormentarsi prima delle 23 e per questo per dormire almeno otto ore e mezza – il tempo necessario per riposare al meglio – devono potersi svegliare dopo le 7 di mattina.

L’ingresso a scuola alle otto di mattina è stato introdotto in California tra gli anni ’70 e ’80, quando cioè le madri hanno iniziato a entrare nel mondo del lavoro e ad aver bisogno di accompagnare i figli a scuola prima dell’orario di ufficio.

Per questo motivo, la riforma trova diversi detrattori, soprattutto all’interno dell’Associazione insegnanti della California, i quali sostengono che i genitori continueranno ad accompagnare i bambini alla stessa ora di adesso, prima delle 8, con la differenza che nessuno potrà supervisionarli.

“Lo sappiamo per esperienza. E non ci sono abbastanza soldi per finanziare programmi di pre-scuola che assicurino agli studenti di stare al sicuro”, sostengono i membri dell’associazione.

Dormire dopo il suono della sveglia è un segno di intelligenza

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale