Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La caffetteria gestita da donne sfregiate con l’acido

Immagine di copertina

Cafe Sheroses’ Hangout è un locale in cui lavorano le donne vittime di attacchi con l'acido, e che permette loro di ricominciare a vivere

Provare a ricominciare a vivere. È questa la speranza che accomuna tutte le donne indiane sfregiate dall’acido che lavorano presso il Cafe Sheroses’ Hangout, ad Agra, nel nord dell’India.

Il locale è composto da una caffetteria, una biblioteca, una radio e un piccolo negozio dove una giovane donna di nome Rupa vende abiti creati da lei.

Questo progetto è sorto su iniziativa di Stop Acid Attack, un’associazione fondata a Nuova Delhi nel 2013 che difende le vittime di attacchi con l’acido.

Il locale è una grande occasione di reinserimento nella società per le donne e garantisce loro anche un’indipendenza economica.

(Nella foto: alcune delle donne che lavorano presso il Cafe Sheroses’ Hangout, ad Agra, in India). 


Mostrare in pubblico il volto sfregiato è la sofferenza psicologica più dura da sopportare, dopo quella fisica derivata dal bruciore che l’acido provoca sulla pelle.

Il progetto è stato infatti pensato per infondere nelle donne la fiducia necessaria per non vergognarsi a mostrare in pubblico il loro volto.

La ventenne Ritu Saini, che lavora nel locale, è stata sfregiata con l’acido da uno dei suoi cugini, perché lo aveva rifiutato. Sebbene si sia sottoposta a dieci interventi chirurgici, Ritu ha perso l’occhio sinistro.

“Prima di lavorare qui tenevo sempre coperto il mio viso”, racconta la donna al The Wall Street Journal.

Ora invece Ritu gira a volto scoperto ed è un esempio da seguire per le altre donne che sono state vittime di attacchi con l’acido e che faticano a mostrarsi in pubblico.

Il Cafe Sheroses’ Hangout rappresenta inoltre un’opportunità per continuare la campagna portata avanti da Stop Acid Attacks e per sensibilizzare quanta più gente possibile su questa problematica.

Articoli correlati

– Le donne che si ribellano all’acido
– Il calendario delle donne sfregiate con l’acido

 Il salone di bellezza per le donne sfregiate con l’acido 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa