Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Brexit, in caso di “no deal” Londra taglierà i dazi sulle importazioni

Immagine di copertina
Il taglio dei dazi punta a contenere l'aumento dell'inflazione. Credit: GLYN KIRK / AFP

Se ci sarà un'uscita dall'Ue senza accordo l'87 per cento delle merci in entrata non sarà soggetto a imposte: ne beneficeranno soprattutto i paesi extra-Ue

Dopo che il Parlamento di Londra ha bocciato l’accordo tra il Governo britannico e l’Unione europea, l’ipotesi “No Deal” per la Brexit si fa sempre più probabile. A poche ore dal voto decisivo, il Governo ha fatto sapere che in caso di uscita dall’Ue senza accordo non saranno introdotti dazi sulla maggior parte delle importazioni dall’estero.

L’obiettivo è evitare un forte aumento dell’inflazione.

In particolare, l’87 per cento delle merci in entrata non sarebbe soggetto ad alcuna tariffa, mentre sarebbero mantenuti i dazi sul settore dell’automotive e su alcuni prodotti agroalimentari, come manzo, agnello, pollame e latticini.

Come spiega il quotidiano britannico The Guardian, il nuovo regime tariffario segnerebbe una svolta a beneficio dei paesi extra-Ue.

Infatti, mentre oggi sono esentasse il 100 per cento delle importazioni dall’Unione europea e il 56 per cento di quelle dal resto del mondo, con il nuovo scenario  risulterebbe sgravato da dazi l’82 per cento delle merci europee e il 92 per cento di quelle extracomunitarie.

Il Governo di Londra ha inoltre annunciato che, in caso di Brexit senza accordo, non saranno introdotti nuovi controlli o dichiarazioni doganali per le merci provenienti dalla Repubblica d’Irlanda che entrano in Irlanda del Nord.

Il ministro britannico delle Politiche commerciali, George Hollingbery, ha dichiarato che la “priorità” del Governo “è garantire un accordo con l’Ue per evitare l’interruzione dei nostri rapporti commerciali globali”: “Ma dobbiamo prepararci a tutte le eventualità”, ha aggiunto.

Hollingbery ha spiegato che il piano di Londra “rappresenta una modesta liberalizzazione delle tariffe”, che ha l’obiettivo di scongiurare “potenziali picchi di prezzo che colpirebbero le famiglie più povere”.

Il ministro irlandese per gli Affari europei, Helen McEntee, ha affermato che la prospettiva di dazi sulle esportazioni di carne bovina e latticini verso il Regno Unito dalla Repubblica sarebbe “assolutamente disastrosa per l’agricoltura irlandese”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”
Esteri / Raid israeliani su Gaza: sale a 32 il numero dei morti tra cui 6 bambini. Lapid: “Obiettivi raggiunti”
Esteri / Usa, Biden negativo al Covid: “Resterà in isolamento”
Esteri / Regno Unito, è morto Archie: i medici hanno staccato le macchine che lo tenevano in vita
Esteri / La tragedia dei “niños robados”: così 300mila bambini sono stati sottratti alle loro madri durante il franchismo
Esteri / Washington: un fulmine cade vicino alla Casa Bianca e uccide tre persone | VIDEO
Esteri / “Ecco perché stiamo facendo il gioco di Putin”: il politologo Santangelo a TPI
Esteri / Il grande risiko dello zar nei Balcani: così Putin sfida la Nato al di là dell’Adriatico