Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brexit, May incontra Corbyn e spera in un accordo entro l’estate

Immagine di copertina

Brexit May Corbyn accordo compromesso | Brexit prima dell’estate. È questo l’obiettivo del governo britannico. Il Consiglio dei ministri vuole presentare la legge attuativa sull’uscita del Regno Unito dalla Ue a partire dal 3 giugno, per poi concludere il percorso entro luglio.

Theresa May e il leader dell’opposizione laburista Jeremy Corbyn si sono incontrati nella serata del 14 maggio 2019. L’idea è la stessa dei mesi scorsi: scongiurare una hard Brexit e trovare l’accordo su un’uscita soft dall’Ue.

L’incontro, si dice in una nota di Downing Street, è stato “costruttivo e utile” e i due leader continueranno i negoziati per trovare un compromesso sulla Brexit e ratificare l’accordo in Parlamento.

Compromesso ancora lontano da raggiungere: non si vedono svolte all’orizzonte.

Uno dei nodi da sciogliere rimane quello sull’unione doganale con Bruxelles: i laburisti puntano a mantenere un’unione doganale permanente tra Regno Unito e Ue, mentre i conservatori dicono di no.

Secondo la stampa britannica, quello di May è un ultimo disperato tentativo per andare a un quarto voto sul suo accordo, già bocciato 3 volte nei mesi scorsi.

Nella giornata di ieri però alcuni membri del partito conservatore hanno scritto una lettera a Theresa May opponendosi a una Brexit annacquata e all’unione doganale voluta dai laburisti.

Gli stessi sostengono che un ipotetico accordo con il Labour rischierebbe di far perdere alla premier più voti conservatori alla Camera dei Comuni di quanti può sperare di ottenerne dai laburisti.

Tra i firmatari della lettera vi sono ex ministri come Boris Johnson, Dominic Raab e David Davis, ma anche Gavin Williamson e Graham Brady.

Intanto, le previsioni elettorali delle Europee per i due partiti sono nefaste: gli ultimi sondaggi danno in grandissimo vantaggio il Brexit Party di Nigel Farage, come abbiamo spiegato in questo articolo. I conservatori di Theresa May sono in caduta libera, e calano al quarto posto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, al via test per settimana lavorativa di 4 giorni
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Esteri / Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo: “Onorerò David Sassoli”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, al via test per settimana lavorativa di 4 giorni
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Esteri / Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo: “Onorerò David Sassoli”
Esteri / Cantante folk prende volontariamente il Covid per non fare il vaccino e muore
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225