Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito

Immagine di copertina

Va avanti nel Regno Unito la cristi provocata dalla scarsità del carburante e così il governo britannico ha posto l’esercito in stato d’allerta nella prospettiva di utilizzare autocisterne e conducenti militari. La crisi, lo ricordiamo, è stata provocata dalla mancanza di un numero sufficiente di conducenti civili e la conseguente corsa ai distributori che ne ha lasciati molti a secco.

“Un numero limitato di conducenti di autobotti militari verrà messo in allerta e dispiegato se necessario per stabilizzare ulteriormente la catena di approvvigionamento di carburante”, ha fatto sapere il dipartimento per l’Energia in una nota. Il governo ha anche autorizzato un’estensione delle licenze per i trasportatori di carburante, che verranno per ora rinnovate automaticamente senza gli usuali e necessari corsi di aggiornamento.

Nel frattempo, i prezzi del carburante sono lievitati ai livelli più alti da otto anni: il prezzo medio di un litro di benzina è aumentato da 1,3587 sterline venerdì a 1,3659 domenica. Come ha raccontato Elisa Serafini in un reportage per TPI, nel Paese è iniziata la corsa ai rifornimenti: nei piazzali si formano spesso code di automobilisti che vogliono il pieno e diverse aziende sono state esortate a lasciare che i dipendenti lavorino da casa

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: il giornalista del Wsj Evan Gershkovich è stato incriminato per spionaggio
Esteri / Migranti: la Corte di Giustizia Ue multa l’Ungheria per il mancato rispetto del diritto d’asilo. Il premier Orban: “Inaccettabile”
Esteri / L’ultima minaccia dell’ex presidente russo Medvedev: “Dobbiamo dare ai nemici dell’Occidente tutti i possibili tipi di armi, tranne quelle nucleari (per ora)!”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: il giornalista del Wsj Evan Gershkovich è stato incriminato per spionaggio
Esteri / Migranti: la Corte di Giustizia Ue multa l’Ungheria per il mancato rispetto del diritto d’asilo. Il premier Orban: “Inaccettabile”
Esteri / L’ultima minaccia dell’ex presidente russo Medvedev: “Dobbiamo dare ai nemici dell’Occidente tutti i possibili tipi di armi, tranne quelle nucleari (per ora)!”
Esteri / L’allarme dell’Unhcr: oltre 120 milioni di sfollati in tutto il mondo
Esteri / Gaza: 37.232 morti dal 7 ottobre, oltre 85mila i feriti. Libano: Idf bombarda obiettivi di Hezbollah. Il gruppo risponde con una pioggia di 100 razzi: "2 feriti". Tel Aviv convoca il Gabinetto di sicurezza. Il G7 teme un'escalation. Yemen, un razzo colpisce un mercantile diretto a Venezia: è in fiamme
Esteri / L'Armenia si ritirerà dall'alleanza militare con la Russia
Esteri / Francia, Macron attacca i Repubblicani per l'alleanza con Le Pen. Caos nel centrodestra: Ciotti espulso
Esteri / Ucraina: Kiev apre alla partecipazione della Russia al prossimo vertice di pace
Esteri / Hong Kong: annullati i passaporti di sei attivisti per la democrazia rifugiatisi nel Regno Unito
Esteri / Il Papa ripete l’espressione omofoba: “In Vaticano c’è troppa frociaggine”