Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brexit, Boris Johnson chiede la sospensione del Parlamento

Immagine di copertina
Boris Johnson

Brexit, Boris Johnson chiede la sospensione del Parlamento

Il primo ministro britannico Boris Johnson intende sospendere il Parlamento a partire dal prossimo martedì, rendendo così possibile che il discorso della regina abbia luogo il 14 ottobre come originariamente previsto. La conferma è arrivata da Downing Street.

“Il primo ministro è stato sempre chiaro sulla volontà di presentare un nuovo programma legislativo nel discorso della regina – ha fatto sapere Downing Street – Perciò intende richiedere che l’attuale sessione del parlamento venga sospesa a partire da martedì sera, con il discorso della regina in programma per il 14”.

Il Parlamento britannico tornerà dunque a essere sospeso da martedì 8 fino al 14 ottobre in vista del Queen’s Speech, il tradizionale discorso di fine anno parlamentare in cui la regina legge solennemente, a Camere riunite, il programma del governo per i mesi successivi.

Brexit, manca un mese (forse)

L’atto di sospensione, prorogation, che richiede solo la controfirma di Elisabetta II, peraltro automatica, questa volta non dovrebbe essere soggetto a eccessive polemiche o a ricorsi dopo quello dichiarato “illegale e nullo” dalla Corte Suprema nei giorni scorsi, poiché la sua durata rientra nei tempi e nelle prerogative governative ordinarie previste per la circostanza.

Il precedente era stato contestato di fronte alla giustizia da esponenti dell’opposizione e attivisti pro Remain per la durata del tutto inusuale (ben 5 settimane) stabilita dal governo Tory in piena crisi sulla Brexit fra il 9 settembre e il 14 ottobre. Una durata bocciata alla fine dalla Corte Suprema poiché non motivata e destinata inevitabilmente a intaccare la sovranità e i poteri di controllo del Parlamento. La stessa Corte aveva del resto notato nel verdetto come una prorogation di 4-6 giorni per i preparativi del Queen’s Speech fosse invece prassi accettata.

Johnson in una nota diffusa da Downing Street stasera ha sottolineato che “attraverso il Queen’s Speech, il governo vuole delineare i suoi programmi su sanità, scuola, lotta al crimine, investimenti in infrastrutture, consolidamento di un’economia forte”. Non senza evidenziare la volontà dell’esecutivo di affrontare “questi dossier vitali” procedendo di pari passo sulla strada per “attuare la Brexit il 31 ottobre”.

La proposta di Jonhson all’Ue per la Brexit

Oggi è stata resa nota la proposta di Johnson per un accordo con l’Ue sulla Brexit, come alternativa al backstop per il nodo chiave dell’Irlanda del Nord. Una proposta che verrebbe sintetizzata con l’espressione “due confini in quattro anni”.

La proposta è anticipata dai media prima dello speech del premier britannico al congresso Tory.

L’Irlanda uscirebbe dopo la transizione a fine 2021 sia dall’Unione Europea sia dall’unione doganale, come il resto del Regno Unito. Ma rimarrebbe allineata per 4 anni al mercato unico per i beni agricoli e industriali, oltre a godere nello stesso periodo di un’esenzione dal codice doganale europeo e dall’Iva europea.

Brexit, Johnson lancia il suo ultimatum all’Europa: “Compromesso equo o elezioni”

In Irlanda del Nord ci sono state reazioni opposte sulla proposta di accordo per l’uscita inviata da primo ministro all’Ue. La ministra degli Affari Europei di Dublino, Helen McEntee, parla di un’offerta ‘prendere o lasciare’ con aspetti “inaccettabili”. Mentre l’opposizione del Fianna Fail parla di proposte “impraticabili e illegali”.

Pieno sostegno a Johnson è arrivato invece dagli unionisti nordirlandesi del Dup, che in precedenza si sono opposti al backstop e all’accordo raggiunto da Theresa May.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"