Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Brasile continuano le proteste contro Bolsonaro e contro i tagli all’istruzione

Immagine di copertina
Credit: Afp

I manifestanti sono preoccupati che le scelte del nuovo esecutivo possano mettere a rischio la sopravvivenza e indipendenza delle università statali

San Paolo, la capitale economica del Brasile. Rio de Janeiro, nel sud-est del paese. E poi Recife, Belo Horizonte, Campo Grande, Porto Alegre e Salvador. Sono ottanta le città in cui ieri, martedì 13 agosto, migliaia di manifestanti sono scesi in strada per protestare contro i tagli all’istruzione adottati dal governo dell’ultra-destra di Jair Bolsonaro. È la terza protesta nazionale da quando, a maggio, l’esecutivo ha applicato nuove misure per equilibrare i conti pubblici.

A Rio de Janeiro, nonostante la pioggia, in centinaia hanno occupato sei isolati gridando slogan contro il congelamento delle risorse e contro il governo di Bolsonaro. A San Paolo le proteste si sono concentrate in Paulista Avenue, l’arteria principale della città, dove è stata contestata anche la riforma del sistema pensionistico appena approvata dalla Camera dei deputati e ora all’esame del Senato.

A Brasilia, docenti universitari e leader indigeni hanno sfilato a Esplanada de los Ministerios, centro del potere della capitale, stringendo in mano cartelloni contro le politiche educative del governo.

I manifestanti sono preoccupati che i tagli decisi dal nuovo esecutivo possano mettere a rischio la stessa sopravvivenza delle università statali, minando alla loro capacità di fare ricerca in modo indipendente.

>“Il Brasile è caduto nel fascismo”: intervista di TPI al sociologo Domenico De Masi

Dall’arrivo di Bolsonaro al potere, l’educazione è diventata una terra di conquista designata per i settori più radicali dell’elettorato bolsonarista, determinato a rimuovere dall’aula qualsiasi traccia di “marxismo culturale”. Quando è entrato in carica lo scorso gennaio, il presidente si è impegnato a realizzare una crociata ideologica per sostituire i valori ultra-conservatori che lo hanno portato al potere ai principali risultati dei governi del Partito dei lavoratori di sinistra tra il 2003 e 2016.

Il ministro della Pubblica Istruzione, Abraham Weintraub, non ha ancora commentato le mobilitazioni. A maggio, Weintraub aveva annunciato tagli a tre università accusandole di aver ospitato dibattiti che includevano voci di sinistra.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti