Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Brasile continuano le proteste contro Bolsonaro e contro i tagli all’istruzione

Immagine di copertina
Credit: Afp

I manifestanti sono preoccupati che le scelte del nuovo esecutivo possano mettere a rischio la sopravvivenza e indipendenza delle università statali

San Paolo, la capitale economica del Brasile. Rio de Janeiro, nel sud-est del paese. E poi Recife, Belo Horizonte, Campo Grande, Porto Alegre e Salvador. Sono ottanta le città in cui ieri, martedì 13 agosto, migliaia di manifestanti sono scesi in strada per protestare contro i tagli all’istruzione adottati dal governo dell’ultra-destra di Jair Bolsonaro. È la terza protesta nazionale da quando, a maggio, l’esecutivo ha applicato nuove misure per equilibrare i conti pubblici.

A Rio de Janeiro, nonostante la pioggia, in centinaia hanno occupato sei isolati gridando slogan contro il congelamento delle risorse e contro il governo di Bolsonaro. A San Paolo le proteste si sono concentrate in Paulista Avenue, l’arteria principale della città, dove è stata contestata anche la riforma del sistema pensionistico appena approvata dalla Camera dei deputati e ora all’esame del Senato.

A Brasilia, docenti universitari e leader indigeni hanno sfilato a Esplanada de los Ministerios, centro del potere della capitale, stringendo in mano cartelloni contro le politiche educative del governo.

I manifestanti sono preoccupati che i tagli decisi dal nuovo esecutivo possano mettere a rischio la stessa sopravvivenza delle università statali, minando alla loro capacità di fare ricerca in modo indipendente.

>“Il Brasile è caduto nel fascismo”: intervista di TPI al sociologo Domenico De Masi

Dall’arrivo di Bolsonaro al potere, l’educazione è diventata una terra di conquista designata per i settori più radicali dell’elettorato bolsonarista, determinato a rimuovere dall’aula qualsiasi traccia di “marxismo culturale”. Quando è entrato in carica lo scorso gennaio, il presidente si è impegnato a realizzare una crociata ideologica per sostituire i valori ultra-conservatori che lo hanno portato al potere ai principali risultati dei governi del Partito dei lavoratori di sinistra tra il 2003 e 2016.

Il ministro della Pubblica Istruzione, Abraham Weintraub, non ha ancora commentato le mobilitazioni. A maggio, Weintraub aveva annunciato tagli a tre università accusandole di aver ospitato dibattiti che includevano voci di sinistra.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev torna sotto attacco: 14 missili lanciati nella notte
Esteri / Usa, assalto al Congresso dell’Arizona contro la sentenza anti-aborto: la polizia usa lacrimogeni contro i manifestanti
Esteri / Diritto all’aborto abolito negli Usa, Trump: “È la volontà di Dio”. Biden: “Decisione crudele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev torna sotto attacco: 14 missili lanciati nella notte
Esteri / Usa, assalto al Congresso dell’Arizona contro la sentenza anti-aborto: la polizia usa lacrimogeni contro i manifestanti
Esteri / Diritto all’aborto abolito negli Usa, Trump: “È la volontà di Dio”. Biden: “Decisione crudele”
Esteri / Guerra in Ucraina. Kiev: "Da Bielorussia missili contro Chernihiv". Putin: "Armeremo Minsk". Di Maio: "Se fermiamo la resistenza Putin arriverà fino ai confini Ue"
Esteri / Usa, la Corte suprema cancella la sentenza sul diritto all’aborto
Esteri / Chiusa l’inchiesta Onu sulla morte della giornalista Shireen Abu Akleh: “Uccisa dalle forze israeliane”
Esteri / Usa, sentenza shock: la Corte suprema elimina altre restrizioni sul porto di pistole e fucili
Esteri / ESCLUSIVO – Parla il dissidente turco Osman Kavala: “Erdogan e Putin sono simili, ma l’Ue non sbagli con il Sultano”
Cronaca / Malta, subisce un aborto spontaneo ma i medici si rifiutano di operarla: turista americana rischia la vita
Esteri / Exclusive: Erdogan is just like Putin but there’s no need to impose sanctions, Osman Kavala says