Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I boy scout americani ammetteranno per la prima volta i bambini transgender

Immagine di copertina

La decisione è stata presa dopo che nel 2016 un bambino transgender di 8 anni del New Jersey aveva dovuto lasciare gli scout

Ai bambini transgender che si identificano col sesso maschile sarà concesso unirsi ai boy scout statunitensi per la prima volta. In passato solo i bambini registrati come maschi nel certificato di nascita potevano far parte dell’organizzazione.

La decisione è stata presa dopo che nel 2016 un bambino di 8 anni del New Jersey, nato con caratteristiche femminili, aveva dovuto lasciare gli scout. Il provvedimento è immediatamente valido.

“Per oltre un secolo i boy scouts americani, insieme con le scuole, gli sport giovanili e le altre organizzazioni per ragazzi, hanno fatto riferimento alle informazioni contenute nel certificato di nascita per determinare l’idoneità ai programmi per soli bambini o sole bambine”, ha dichiarato The Boys Scouts of America, la più grande organizzazione giovanile negli Stati Uniti. “Questo approccio tuttavia non è più sufficiente dal momento che le comunità e le leggi statali hanno iniziato a interpretare in modo diverso l’identità di genere, e queste leggi cambiano notevolmente tra i vari stati americani”

Zach Wahls, cofondatore del gruppo Scouts for Equality si è detto orgoglioso della scelta dell’organizzazione. 

Kirstie Maldonado, la madre del bambino cui è stato chiesto di lasciare il gruppo, ha parlato di una grande opportunità per tutti, ma ha detto all’agenzia Associated press di essere ancora arrabbiata per il trattamento ricevuto dal figlio.

Gli scout statunitensi hanno eliminato solo nel 2013 il divieto che impediva ai gay di unirsi al gruppo. Due anni dopo è stata la volta del divieto per i leader omosessuali.

A differenza degli Stati Uniti, in Italia la posizione ufficiale della varie associazioni scout è di massima apertura. Tuttavia a maggio 2012 hanno fatto discutere le conclusioni di un seminario di studi dell’Agesci (l’Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani). L’associazione sosteneva che i capi scout omosessuali non avrebbero dovuto dichiarare il loro orientamento sessuale, per evitare di “turbare e condizionare i ragazzi”.

— LEGGI ANCHE: La delicata questione gay negli scout italiani

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari