Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Bimba nasce con 100 tumori (benigni) in tutto il corpo, ma Rachel riesce a guarire

Immagine di copertina

Quando la piccola Rachael Young è venuta al mondo, non aveva molte possibilità di sopravvivenza. La bimba è nata infatti con una condizione molto rara, la miofibromatosi infantile, ma nella sua forma più grave. Aveva oltre cento tumori in tutto il corpo, tra cui uno molto pericoloso al cuore. E così, quando aveva appena pochi giorni di vita, i medici hanno dato ai genitori devastati la peggiore delle notizie: quella di non aspettarsi che la viglia vivesse a lungo.

La sua storia è raccontata dal tabloid britannico Mirror. Dopo aver preso parte a un trattamento pionieristico, la piccola ha stupito tutti. Ora, a 20 mesi, è completamente guarita. La mamma di Rachael, Katie, ha raccontato come lei e il marito Simon, 39 anni, siano rimasti “sbalorditi” nell’apprendere che la loro figlia aveva più di 100 tumori nel suo corpo quando aveva solo pochi giorni. “È stato uno shock tremendo per noi – ha detto – Avevo avuto una gravidanza normale. I medici ci avevano detto che non avevano mai visto niente del genere in 40 anni e non sapevano se avrebbero potuto curare Rachael. perché non avevano un caso con cui confrontarla”.

Fortunatamente, i tumori erano benigni, ma il fatto che fossero così tanti, potevano essere causa danni potenzialmente letali. La bimba è stata quindi sottoposta a chemioterapia.

Dopo 18 mesi di estenuanti sessioni di chemioterapia, i medici hanno potuto comunicare alla famiglia di Rachael che tutti i suoi tumori erano scomparsi. Poiché si trattava di tumori dello sviluppo che si erano sviluppato in utero, era anche improbabile che tornassero. Alla coraggiosa bimba è stata donata una perla di vetro per ogni sessione di chemioterapia che ha subito: alla fine ne ha raccolte centinaia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Esteri / Morti oltre 80 migranti al largo della Siria. Le famiglie sul barcone cercavano di raggiungere l'Europa