Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brasile, bimba di 10 anni stuprata dallo zio rimane incinta: abortisce al quinto mese

Immagine di copertina

Bimba di 10 anni rimasta incinta dopo lo stupro riesce ad abortire al quinto mese

Una bambina di 10 anni rimasta incinta dopo essere stata ripetutamente stuprata da uno zio ha abortito al quinto mese di gravidanza. È successo in Brasile: i medici dell’ospedale più vicino alla casa della piccola si erano rifiutati di eseguire l’aborto per motivi di coscienza, e così l’intervento è stato effettuato all’ospedale di Recife, a oltre 1800 chilometri di distanza. La bambina, che vive nei pressi di Sao Mateus, nello Stato di Espirito Santo, era giunta la scorsa settimana in ospedale con fortissimi dolori al ventre ma i medici si erano rifiutati di farla abortire poiché aveva già superato la ventiduesima settimana.

Nonostante la legge brasiliana preveda l’interruzione volontaria di gravidanza in caso di violenza sessuale o di gravi rischi per la salute della futura mamma e del feto, i medici, tutti obiettori di coscienza, erano stati inflessibili. Alla fine però la Corte di Giustizia del Paese ha stabilito che la volontà della donna era sovrana, e la ragazza è stata trasferita in un altro ospedale per sottoporsi all’intervento.

Lo zio, di 33 anni, è accusato di aver violentato la piccola per quattro anni, ed è stato arrestato dopo aver tentato la fuga. Intanto però non si placano le polemiche per l’aborto della piccola, con le associazioni pro Vita e ultra cattoliche che accusano i medici di essere stati degli assassini. “La violenza sessuale è terribile, ma la violenza dell’aborto non si spiega, date tutte le risorse esistenti e messe a disposizione per garantire la vita dei due bambini”, ha commentato il vescovo locale. Il dottore dell’Ospedale si è difeso così: “La bambina sta clinicamente molto bene e soprattutto è molto sollevata. Abbiamo realizzato l’operazione in modo da alleviare il più possibile la sua sofferenza”.

Leggi anche: 1. Lignano Sabbiadoro, 15enne stuprata in spiaggia da branco di minorenni. Lega: “Castrazione chimica”

Qui le altre notizie di cronaca di TPI

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri