Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il filosofo Bernard-Henri Levy in Libia: “Ho visto un campo di sterminio”

Immagine di copertina

Libia, il filosofo Henri Levy: “Ho visitato un campo di sterminio”

Sabato 25 luglio il filosofo francese Bernard-Henri Levy si è recato in Libia, dov’è atterrato a Misurata con un jet privato. Al canale televisivo filo-governativo Al-Ahrar ha dichiarato di essere nel Paese in veste di giornalista, incaricato di un reportage dal Wall Street Journal. Levy si è poi recato nella città di Tarhuna, dove le forze governative hanno scoperto una fossa comune che conterrebbe i corpi di civili giustiziati dalle milizie del generale Khalifa Haftar. I gruppi armati fedeli al governo hanno dichiarato di aver impedito a Levy di entrare a Tarhuna, ma il filosofo ha postato sui social sue fotografie nella città, affiancato da uomini armati col volto coperto e in uniforme militare. Levy ha affermato di aver visitato il “campo di sterminio” di Tarhuna, dove 47 persone, compresi bambini, “avevano subito il martirio a opera di fantocci di Haftar”.

A commento della foto condivisa sui social, Levy ha scritto: “Subito dopo il mio reportage sui campi di sterminio. Questi sono i veri poliziotti libici che proteggono la stampa libera. Così diversi dai criminali che hanno cercato di bloccare il mio convoglio sulla via del ritorno a Misurata”. I criminali menzionati nel tweet lo avrebbero chiamato “cane ebreo” mentre cercavano di bloccare il suo convoglio, come mostra un video circolato sui social. Il filosofo ha affermato che un resoconto completo di quello che è successo sarà pubblicato presto. Secondo notizie dei media libici, Levy aveva in programma di visitare la capitale Tripoli oggi per colloqui con il ministro degli interni Fathi Bashagha. Ma l’ufficio del Primo Ministro Fayez al-Sarraj ha negato “qualsiasi collegamento” con la visita di Levy e ha aggiunto di aver aperto un’inchiesta per chiarire la situazione e per prendere “misure dissuasive” contro gli organizzatori del viaggio del filosofo.

Leggi anche: 1. Minniti: “C’è un’evidente correlazione tra immigrazione e Covid” 2. Chi controlla davvero i centri di detenzione in Libia, dove i migranti vengono torturati e stuprati 3. Rifinanziamento Guardia costiera libica, 23 dissidenti Pd e LeU votano contro il governo 4. Leggi anche: [Retroscena] – Nel Pd è saltato l’asse Zingaretti-Franceschini: ora il governo rischia davvero (di Luca Telese)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti