Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il primo fumetto sull’omosessualità femminile in Bangladesh

Immagine di copertina

"Dhee" è il primo fumetto bengalese che vede come protagonista una ragazza lesbica alle prese con i tabù del Paese sull'omosessualità

In Bangladesh è uscito il primo fumetto che affronta il tema dell’omosessualità femminile. A lanciarlo, il 5 settembre 2015, è stata l’ong Boys of Bangladesh, che dal 2002 lotta per il riconoscimento dei diritti delle persone omosessuali nel Paese.

Dhee – che in lingua bengalese vuol dire “intelletto”, “saggezza” – è il nome della protagonista del fumetto, che scopre di essere attratta da altre donne. Essendo però il Bangladesh uno stato in cui l’omosessualità oltre che essere discriminata è anche punibile con l’ergastolo, Dhee non sa come affrontare la sua “diversità”.

La protagonista chiede consigli sul proprio futuro ai lettori: dovrebbe suicidarsi, sposare un uomo per far felice la propria famiglia, lasciare il Paese o rimanere e seguire i propri sentimenti?

Centinaia di persone si sono presentate al British Council, nella capitale Dhaka, per assistere al lancio del fumetto. L’ingresso all’evento era stato messo sotto controllo per allontanare il pericolo di scontri con gli estremisti conservatori.

Il Bangladesh è un Paese in cui l’omosessualità è ancora un tabù e le persone appartenenti alla comunità degli LGBT si vedono costrette a nascondere il proprio orientamento sessuale per evitare di essere discriminate.

La sensibilizzazione sulla tematica dell’omosessualità è aumentata recentemente in Bangladesh: nelle ultime due edizioni del Pohela Boishakh – il capodanno bengalese che si svolge ogni anno il 14 aprile –  hanno partecipato attivamente anche gruppi di attivisti gay, mentre nel 2014 è stata pubblicata, senza grande opposizione, la prima rivista per le persone omosessuali del Paese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane