Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Bangladesh, 19enne bruciata viva dopo la denuncia di molestie: 16 condanne a morte

Immagine di copertina
Nelle foto, Nusrat Jahan Rafi

La ragazza, Nusrata Jahan Rafi, prima di morire ha denunciato i suoi aggressori in un video sul cellulare

Bangladesh, 19enne bruciata viva: 16 condanne a morte

Un tribunale del Bangladesh ha condannato a morte 16 persone per l’omicidio, il 6 aprile scorso, di una studentessa 19enne, Nusrat Jahan Rafi, bruciata viva per avere denunciato di aver subito molestie sessuali da parte del preside della sua scuola islamica. Lo riporta la Bbc online.

Il preside era stato accusato di molestie e tra i condannati c’erano almeno due compagni di classe della ragazza. Il suo omicidio ha scioccato il Paese e ha portato a una serie di proteste che chiedevano giustizia per Nusrat.

Il processo è stato uno dei più rapidi in un paese in cui tali casi richiedono in genere anni per concludersi. Il procuratore Hafez Ahmed ha detto ai giornalisti che ha voluto dimostrare “che nessuno riuscirà a cavarsela con un omicidio in Bangladesh”.

Nusrat Jahan Rafi era di Feni, una piccola città a 160 chilometri a sud di Dhaka e studiava in una madrasa, la scuola coranica.

La ricostruzione dei fatti

Il 27 marzo scorso Nusrat aveva raccontato che il preside, Siraj Ud Doula, l’aveva chiamata nel suo ufficio e aveva cominciato a molestarla. Lei era riuscita a fuggire e poi aveva deciso di denunciare l’accaduto alla polizia. Per il preside era scattato l’arresto ma a Dacca e a Feni molta gente era scesa in piazza per chiedere il suo rilascio.

Secondo quanto riferito dalla polizia, l’omicidio della 19enne era stato organizzato come “un piano militare”.

Nusrat era stata attirata sul tetto della sua scuola il 6 aprile di quest’anno, 11 giorni dopo aver denunciato il preside alla polizia per averla ripetutamente toccata in modo inappropriato. Sul tetto l’aspettavano quattro o cinque persone che indossavano un burqa. Con la violenza volevano costringerla a ritirare la sua denuncia.

Quando la diciannovenne ha rifiutato, le hanno dato fuoco. Secondo la polizia, avevano sperato di farlo sembrare un suicidio. Invece, Nusrat si è salvata.

Ma sapendo di essere stata gravemente ferita, ha rilasciato una dichiarazione che il fratello ha filmato sul suo telefono. “L’insegnante mi ha toccato, combatterò questo crimine fino al mio ultimo respiro”, ha detto alla telecamera, nominando poi alcuni dei suoi aggressori.

Nusrat, che aveva subito ustioni all’80 per cento del corpo, è morta quattro giorni dopo, il 10 aprile.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Spagna: folla in strada festeggia la prima notte senza stato di emergenza e coprifuoco | VIDEO
Esteri / Un pavone interrompe Draghi in conferenza stampa: il simpatico siparietto del premier | VIDEO
Esteri / Afghanistan, due esplosioni davanti a una scuola di Kabul: almeno 50 morti e 100 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Spagna: folla in strada festeggia la prima notte senza stato di emergenza e coprifuoco | VIDEO
Esteri / Un pavone interrompe Draghi in conferenza stampa: il simpatico siparietto del premier | VIDEO
Esteri / Afghanistan, due esplosioni davanti a una scuola di Kabul: almeno 50 morti e 100 feriti
Esteri / Sadiq Khan è stato rieletto sindaco di Londra
Esteri / Brexit, provano a entrare nel Regno Unito: 30 cittadini italiani ed europei fermati e detenuti
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro