Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ban Ki-moon dice addio alla corsa per le presidenziali in Corea del Sud

Immagine di copertina

L'ex segretario generale dell'Onu fa un passo indietro dopo le accuse di corruzione, ma non rinuncerà alla vita politica

Ban Ki-moon rinuncia a correre alle prossime elezioni presidenziali in Corea del Sud. Ad annunciarlo è stato lo stesso ex segretario generale dell’Onu in una conferenza stampa convocata d’urgenza all’Assemblea nazionale di Seul. “Rinuncerò alla mia aspirazione di raggiungere un cambio in politica sotto la mia leadership e di unificare il Paese”, ha spiegato Ban in conferenza stampa.

“Il mio patriottismo e le mie aspirazioni sono andate disperse a causa delle calunnie e delle false notizie messe in circolazione”, ha aggiunto l’ex segretario generale delle Nazioni Unite, riferendosi alle accuse di corruzione che lo hanno coinvolto. “Tutto ciò ha minato il mio desiderio di cambiare la politica e ha provocato danni a me e alla mia famiglia”.

Le accuse sono state lanciate a fine dicembre 2016 dal settimanale sud coreano Sisa-in, secondo il quale Ban Ki-moon, nel 2005, quando era ministro degli Esteri, avrebbe ricevuto 230.000 dollari da un imprenditore locale.

Ban Ki-moon aveva lasciato il Palazzo di vetro alla fine del 2016, sostituito al vertice delle Nazioni Unite da Antonio Guterres. A gennaio, subito dopo la procedura di impeachment nei confronti della presidente Park Geun-hye, è tornato in Corea del Sud con l’obiettivo di sondare le forze politiche sulla sua discesa nel campo politico.

Gli sforzi non hanno sortito gli effetti voluti sia per le divisioni del Saenuri, il partito conservatore di Park, sia per le accuse di corruzione lanciate dalle colonne del Sisa-in. Ban Ki-moon ha tuttavia precisato che non lascerà la vita politica, e metterà la propria esperienza al servizio delle organizzazioni internazionali.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”