Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ban Ki-moon dice addio alla corsa per le presidenziali in Corea del Sud

Immagine di copertina

L'ex segretario generale dell'Onu fa un passo indietro dopo le accuse di corruzione, ma non rinuncerà alla vita politica

Ban Ki-moon rinuncia a correre alle prossime elezioni presidenziali in Corea del Sud. Ad annunciarlo è stato lo stesso ex segretario generale dell’Onu in una conferenza stampa convocata d’urgenza all’Assemblea nazionale di Seul. “Rinuncerò alla mia aspirazione di raggiungere un cambio in politica sotto la mia leadership e di unificare il Paese”, ha spiegato Ban in conferenza stampa.

“Il mio patriottismo e le mie aspirazioni sono andate disperse a causa delle calunnie e delle false notizie messe in circolazione”, ha aggiunto l’ex segretario generale delle Nazioni Unite, riferendosi alle accuse di corruzione che lo hanno coinvolto. “Tutto ciò ha minato il mio desiderio di cambiare la politica e ha provocato danni a me e alla mia famiglia”.

Le accuse sono state lanciate a fine dicembre 2016 dal settimanale sud coreano Sisa-in, secondo il quale Ban Ki-moon, nel 2005, quando era ministro degli Esteri, avrebbe ricevuto 230.000 dollari da un imprenditore locale.

Ban Ki-moon aveva lasciato il Palazzo di vetro alla fine del 2016, sostituito al vertice delle Nazioni Unite da Antonio Guterres. A gennaio, subito dopo la procedura di impeachment nei confronti della presidente Park Geun-hye, è tornato in Corea del Sud con l’obiettivo di sondare le forze politiche sulla sua discesa nel campo politico.

Gli sforzi non hanno sortito gli effetti voluti sia per le divisioni del Saenuri, il partito conservatore di Park, sia per le accuse di corruzione lanciate dalle colonne del Sisa-in. Ban Ki-moon ha tuttavia precisato che non lascerà la vita politica, e metterà la propria esperienza al servizio delle organizzazioni internazionali.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”