Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un bambino palestinese di otto mesi muore soffocato dal gas lacrimogeno

Immagine di copertina

L'episodio è accaduto vicino Betlemme. Da inizio ottobre 69 palestinesi e sette israeliani sono morti nelle violenze

Un neonato di otto mesi, Ramadan Mohammed Faisal Thawabta, è morto soffocato a causa dell’inalazione di gas lacrimogeno lanciato dalle forze armate israeliane durante gli scontri a Beit Fajjar, un villaggio vicino a Betlemme nella giornata di venerdì 30 ottobre.

A un mese dall’inizio delle tensioni, le violenze fra israeliani e palestinesi non sembrano diminuire. Tra il 30 e il 31 ottobre sarebbero quattro i palestinesi uccisi dalle forze israeliane. Un altro sarebbe gravemente ferito. Molti altri hanno riportato ferite in seguito agli scontri avvenuti durante le ultime proteste in Cisgiordania e nella striscia di Gaza. 

Il ministro della sanità palestinese ha comunicato che nei pressi di un posto di controllo a sud di Nablus, una delle più grandi città in Cisgiordania, anche un ragazzo palestinese di 20 anni, Qasem Sabaana è morto, mentre uno di 17, di cui non è ancora noto il nome, è stato ferito. 

Secondo un giornalista della rete televisiva araba Al Jazeera, che ha assistito allo scontro, la polizia avrebbe sparato almeno sette colpi contro il palestinese che ora è ricoverato in ospedale. 

La polizia israeliana sostiene che i due ragazzi si sarebbero avvicinati al posto di controllo in moto e portando dei coltelli. 

Un altro ragazzo palestinese è morto, venerdì 30 ottobre a Gerusalemme, per le ferite riportate in uno scontro avvenuto nella mattinata. 

Nella zona di occupazione a est di Gerusalemme, un agente di sicurezza delle ferrovie ha sparato a un palestinese che, secondo quanto afferma la polizia, avrebbe aggredito un colono israeliano. 

Vicino a un posto di controllo in Cisgiordania, nella mattinata del 31 ottobre, le forze di sicurezza israeliane avrebbero sparato a un palestinese, che, secondo la polizia israeliana, si sarebbe avventato su di loro brandendo un coltello. 

Amnesty International rilasciato un comunicato chiedendo alle forze israeliane di porre fine a quelle che vengono definite “uccisioni illegali”. Secondo Amnesty International poliziotti e militari israeliani “sembrano sempre più inclini a usare la forza letale contro chiunque essi percepiscano come una minaccia, senza accertarsi se la minaccia sia reale”.

Dall’inizio degli scontri, cominciati il primo ottobre 2015, 69 palestinesi e sette israeliani sarebbero morti secondo quanto riportato dalla rete televisiva araba Al Jazeera.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Principe William diserta una cerimonia importante, “ragioni personali”. Inglesi preoccupati
Esteri / Navalny, la portavoce del dissidente morto in Russia: “Nessuna agenzia funebre disponibile per i funerali”
Esteri / Truppe Nato in Ucraina? La Francia "non esclude nulla" ma la Svezia: "Kiev non l'ha chiesto”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Principe William diserta una cerimonia importante, “ragioni personali”. Inglesi preoccupati
Esteri / Navalny, la portavoce del dissidente morto in Russia: “Nessuna agenzia funebre disponibile per i funerali”
Esteri / Truppe Nato in Ucraina? La Francia "non esclude nulla" ma la Svezia: "Kiev non l'ha chiesto”
Esteri / Alessandra Mussolini: “Aggredita da uno sconosciuto a Strasburgo. Mi ha picchiata”. Il video-denuncia
Esteri / Cessate il fuoco, Hamas e Israele frenano sull’accordo. Biennale, migliaia di artisti chiedono l’esclusione dello Stato ebraico
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Esteri / Caso Navalny, l’entourage: “È stato ucciso perché stava per essere liberato in cambio di un ex ufficiale russo detenuto in Germania”
Esteri / Afghanistan, i talebani riprendono le esecuzioni pubbliche negli stadi: “Giustiziati tre uomini in cinque giorni”