Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

I bambini siriani sfruttati in Turchia per produrre vestiti da vendere in Europa

Immagine di copertina

Un’inchiesta della Bbc ha rivelato le condizioni illegali in cui lavorano i minorenni rifugiati, costretti a turni di oltre dodici ore e salari bassissimi

Un’inchiesta condotta dalla trasmissione della Bbc Panorama ha rivelato che i bambini siriani rifugiati lavorano nelle fabbriche turche che producono vestiti che poi vengono venduti sul mercato britannico in grandi catene di distribuzione come Marks & Spencer, Asos, Zara e Mango.

L’inchiesta, trasmessa nella mattina di lunedì 24 ottobre dall’emittente televisiva britannica, svela che i minorenni siriani lavorano anche più di 12 ore al giorno, con una paga bassissima, e sono esposti ad agenti chimici dannosi senza avere una protezione adeguata.

Tutte le aziende coinvolte hanno dichiarato di monitorare regolarmente la loro catena di produzione e di non tollerare lo sfruttamento di rifugiati o bambini.

“Non abbiamo trovato alcuna prova di lavoratori siriani impiegati nelle fabbriche dalle quali ci riforniamo, quindi siamo molto rammaricati da questa scoperta, che è estremamente grave e inaccettabile”, ha dichiarato un portavoce della Marks & Spencer.

La catena britannica ha inoltre aggiunto che stava lavorando con i fornitori turchi per offrire un’occupazione legale permanente a tutti i siriani impiegati nell’azienda.

La Turchia è stata una delle principali porte d’ingresso per i rifugiati siriani in fuga dalla guerra civile, e si stima che attualmente siano più di tre milioni i profughi che vivono nel paese. A marzo, Ankara ha firmato un accordo con l’Unione europea per frenare il flusso di migranti dalla Turchia verso i paesi del blocco.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”
Esteri / Pena di morte in Usa, boia non trova la vena dopo 8 tentativi: stop all’esecuzione