Me

Fugge dopo aver violentato una bambina di due anni: ricercato un 40enne

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 13 Ott. 2019 alle 14:53
Immagine di copertina

Bambina di due anni violentata: ricercato un 40enne

Una bambina di due anni è stata violentata da un uomo di 40 anni, ricercato dalla polizia. I fatti drammatici sono avvenuti negli Stati Uniti, in Florida, dove Robert Lopez vive, nella contea di Collier.

L’accusa che pende sulla testa di Robert Lopez è quella di stupro ai danni di un minore. Secondo quanto si apprende dai media locali, i genitori della piccola avrebbero trovato la bambina accasciata a terra, sanguinante.

Lì per lì i familiari della piccola di due anni non hanno compreso cosa era successo e, credendo che la loro bambina si fosse ferita cadendo a terra, hanno portato subito la piccola al pronto soccorso. È all’ospedale che i medici che hanno preso in cura la piccola hanno scoperto la cruda verità.

La piccola era stata violentata da Robert Lopez e l’uomo, subito dopo lo stupro, aveva lasciato la piccola inerme a terra per darsi alla fuga. Subito i genitori della bambina hanno sporto denuncia nei confronti dell’uomo e gli agenti di polizia hanno avviato le ricerche per rintracciare il 40enne di Immokalee colpevole dello stupro sulla bambina.

Robert Lopez ha già la fedina penale sporca: come si legge sui media locali, l’uomo ha trascorso gli ultimi sedici lunghi anni facendo dentro e fuori dal carcere con le accuse di guida senza patente, violenza domestica e frode.

La polizia al momento è sulle tracce dell’uomo e ha lanciato un appello affinché i cittadini si rivolgano alle forze dell’ordine per segnalare eventuali avvistamenti di Robert Lopez. “Quest’uomo è il male”, ha detto lo sceriffo Kevin Rambosk.

Non si conosce la dinamica esatta né le circostanze in cui lo stupro della piccola è stato consumato. Per ora tutto quello che si sa è che Robert Lopez è a piede libero e la piccola è ricoverata in ospedale in condizioni critiche, ma è costantemente assistita da psicologi che la aiuteranno ad affrontare il trauma subito.

Due fratelli hanno stuprato e strangolato una bambina di 6 anni, poi la madre li ha aiutati a nascondere le prove