Covid ultime 24h
casi +8.561
deceduti +420
tamponi +143.116
terapie intensive +21

Padre sente le grida della sua bambina attraverso un baby monitor mentre viene sgozzata dallo zio

La famiglia della vittima ha lanciato una campagna di raccolta fondi per garantire un funerale alla piccola

Di Rossella Melchionna
Pubblicato il 12 Dic. 2018 alle 08:14 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:43
1
Immagine di copertina
La piccola vittima

Aveva già dato segni della sua violenza ma erano stati ignorati. E così un uomo, Emanuel Flutur, ha ucciso la sua nipotina di tre anni tagliandole la gola. La scena raccapricciante è stata udita dal padre della piccola attraverso un baby monitor. Il fatto è accaduto domenica 9 dicembre 2018 nel Kentucky, negli Stati Uniti.

La notizia è stata riportata dal Sun.

La vicenda

Ben, il padre della vittima – che si chiamava Josephina Bulubenchi – non è riuscito a salvare la figlia, uccisa brutalmente dallo zio 33enne nella sua cameretta. Quando l’uomo è entrato nella stanza, infatti, la bambina era moribonda.

Ha tolto l’arma dalle mani del cognato e ha portato la piccola in ospedale, dove poche ore dopo è morta.

L’assassino è stato arrestato con l’accusa di omicidio. Flutur, però, non ha ancora confessato l’accaduto agli inquirenti.

La campagna

La famiglia Bulubenchi, che vive a Clinton County, è composta da dieci persone. Ma dal 9 dicembre, l’ultima degli otto figli non c’è più.

Su una pagina Facebook Ben e la moglie hanno postato un’immagine in cui è raffigurata Josephine, in ospedale, con loro che le tengono la mano. L’obiettivo è, non solo quello di ricordare la bambina persa, ma anche di lanciare una campagna di raccolta fondi.

I Bulubenchi, in effetti, non vivono in condizioni di agiatezza. Per questo, attraverso una pagina GoFundMe, vorrebbero racimolare un po’ di denaro in modo tale da poter trasportare la figlia nel Michigan, luogo in cui verrà seppellita.

“La famiglia di Ben e Simona Bulubenchi del Kentucky sta attraversando una tragedia. Una delle loro bambine, Josephina Mia, è scomparsa domenica 9 dicembre, lasciando una famiglia affranta” è il messaggio di lancio sul sito di crowdfunding.

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.