Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Una bambina rapita appena nata è stata trovata viva in South Carolina 18 anni dopo

Immagine di copertina

La ragazza era convinta che la rapitrice, finita in manette, fosse la sua madre biologica

Una bambina rapita appena nata da un ospedale della Florida è stata trovata in vita 18 anni dopo in South Carolina. La notizia è stata diffusa dalla polizia dello stato americano.

Kamiyah Mobley, era scomparsa nel luglio del 1998 ed è stata trovata grazie a una soffiata. Le autorità di Walterboro hanno arrestato venerdì 13 gennaio una donna di 51 anni, Gloria Williams, in connessione al rapimento.

Kamiyah Mobley viveva sotto un altro nome ed era convinta che la signora Williams fosse la madre. Nella casa sono stati trovati anche i documenti falsi utilizzati in tutti questi anni per nascondere la sua vera identità.

La famiglia biologica è stata avvertita dell’inattesa notizia. Lo sceriffo dell’ufficio di Jacksonville ha spiegato che il test del Dna ha confermato la reale identità di Kamiyah. L’adolescente è stata trovata in buona salute e viveva “come una normale ragazza di 18 anni”, ha precisato lo sceriffo.

Dopo anni di indagini e oltre 2.500 denunce o avvistamenti, un anno fa all’indirizzo @MissingKids è arrivata un’informazione che ha sbloccato il caso.

La bambina era stata rapita dalla donna che era riuscita ad introdursi nella struttura medica.

Sebbene la famiglia biologica sia stata immediatamente avvertita, spetta a Kamiyah scegliere quando incontrarli, perché ormai è maggiorenne. 

“Avrà bisogno di tempo e di assistenza per razionalizzare il trauma e vogliamo rispettare la sua privacy”, ha detto lo sceriffo, che perciò non ha diffuso il nome con il quale la ragazza era attualmente conosciuta.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Esteri / “Putin si prepara a un test nucleare al confine ucraino”, dice il Times
Esteri / Trump denuncia la Cnn per diffamazione: chiesti 475 milioni di dollari di risarcimento
Esteri / La falla di Nordstream 2 si è allargata, secondo la guardia costiera svedese
Esteri / Missile balistico nordcoreano sorvola il Giappone: cittadini invitati a ripararsi nei rifugi
Esteri / Quattro writer italiani arrestati in India: imbrattati due bus
Esteri / Italiana arrestata in Iran, si muove la Farnesina
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio