Me
HomeEsteri

La scuola che ha sostituito la punizione con la meditazione

Un istituto scolastico americano ha deciso di introdurre tecniche di respirazione e meditazione per calmare e incoraggiare a riflettere i suoi studenti più turbolenti

Di TPI
Pubblicato il 26 Set. 2016 alle 13:16 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:39
Immagine di copertina

Le scuole sono ricominciate da circa due settimane, per gli studenti e gli insegnanti la routine dell’anno scolastico è definitivamente ripartita, nel bene e nel male.

Una delle sfide più ardue per docenti ed educatori, oltre a quella di far apprendere i bambini e i ragazzi, è mantenere l’ordine e la disciplina in classe.

Ogni insegnante ha una sua strategia e ogni insegnante affronta in modo diverso gli studenti più turbolenti.

Ma per quanto il temutissimo righello sulle nocche sia ormai un lontano ricordo appartenente a un paio di generazioni fa e per quanto sia oggi assodato che la comunicazione funziona meglio del castigo, dovendosi occupare di classi intere e non di singoli casi, una delle soluzioni più semplici e usate resta quella della punizione.

Una scuola di Baltimora, ha però deciso di adottare un approccio diverso e ha sostituito l’aula spoglia dove di solito gli studenti in punizione trascorrono lunghi momenti a fissare muri, annoiarsi a morte e tentare senza successo di leggere un libro, con una sala completamente diversa.

Si tratta di una stanza colorata con lampade, decorazioni e soffici cuscini dove gli studenti “difficili” sono incoraggiati a calmarsi e concentrarsi attraverso tecniche di respirazione e meditazione, ma anche a parlare di cosa è successo.

La scuola elementare Robert W. Coleman ha constatato che questo metodo alternativo ha effetti molto positivi sui suoi allievi e dall’anno scorso ad oggi non ci sono state sospensioni disciplinari.

In effetti, i meriti quasi taumaturgici della meditazione, una pratica che l’uomo ha adottato in varie culture per migliaia di anni, sono oggi oggetto di studio e alcune ricerche suggeriscono appunto che la meditazione aiuta a migliorare la concentrazione e la consapevolezza di sé.

La scuola elementare di Baltimora che ha sostituito la punizione con la meditazione ha realizzato la stanza in collaborazione con un’organizzazione no profit locale, la Holistic Life Foundation, che ha attivato anche altri programmi rivolti ai bambini, inclusi alcuni dedicati allo yoga e all’ambiente.

(Qui sotto bambini praticano yoga. Credit: Facebook/Holistic Life Foundation. L’articolo prosegue sotto l’immagine)

Tra gli effetti positivi di queste iniziative, c’è anche il fatto che i bambini portano a casa ciò che hanno imparato e lo trasmettono al resto della famiglia.

Una mamma ha riferito che una sera, quando è tornata a casa stremata e stressata, la figlia l’ha invitata a sedersi dicendole, “vieni, ti insegno come respirare”.

Potrebbe funzionare anche nelle scuole italiane? Probabilmente un tentativo meriterebbe di essere fatto.