Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La scuola che ha sostituito la punizione con la meditazione

Immagine di copertina

Un istituto scolastico americano ha deciso di introdurre tecniche di respirazione e meditazione per calmare e incoraggiare a riflettere i suoi studenti più turbolenti

Le scuole sono ricominciate da circa due settimane, per gli studenti e gli insegnanti la routine dell’anno scolastico è definitivamente ripartita, nel bene e nel male.

Una delle sfide più ardue per docenti ed educatori, oltre a quella di far apprendere i bambini e i ragazzi, è mantenere l’ordine e la disciplina in classe.

Ogni insegnante ha una sua strategia e ogni insegnante affronta in modo diverso gli studenti più turbolenti.

Ma per quanto il temutissimo righello sulle nocche sia ormai un lontano ricordo appartenente a un paio di generazioni fa e per quanto sia oggi assodato che la comunicazione funziona meglio del castigo, dovendosi occupare di classi intere e non di singoli casi, una delle soluzioni più semplici e usate resta quella della punizione.

Una scuola di Baltimora, ha però deciso di adottare un approccio diverso e ha sostituito l’aula spoglia dove di solito gli studenti in punizione trascorrono lunghi momenti a fissare muri, annoiarsi a morte e tentare senza successo di leggere un libro, con una sala completamente diversa.

Si tratta di una stanza colorata con lampade, decorazioni e soffici cuscini dove gli studenti “difficili” sono incoraggiati a calmarsi e concentrarsi attraverso tecniche di respirazione e meditazione, ma anche a parlare di cosa è successo.

La scuola elementare Robert W. Coleman ha constatato che questo metodo alternativo ha effetti molto positivi sui suoi allievi e dall’anno scorso ad oggi non ci sono state sospensioni disciplinari.

In effetti, i meriti quasi taumaturgici della meditazione, una pratica che l’uomo ha adottato in varie culture per migliaia di anni, sono oggi oggetto di studio e alcune ricerche suggeriscono appunto che la meditazione aiuta a migliorare la concentrazione e la consapevolezza di sé.

La scuola elementare di Baltimora che ha sostituito la punizione con la meditazione ha realizzato la stanza in collaborazione con un’organizzazione no profit locale, la Holistic Life Foundation, che ha attivato anche altri programmi rivolti ai bambini, inclusi alcuni dedicati allo yoga e all’ambiente.

(Qui sotto bambini praticano yoga. Credit: Facebook/Holistic Life Foundation. L’articolo prosegue sotto l’immagine)

Tra gli effetti positivi di queste iniziative, c’è anche il fatto che i bambini portano a casa ciò che hanno imparato e lo trasmettono al resto della famiglia.

Una mamma ha riferito che una sera, quando è tornata a casa stremata e stressata, la figlia l’ha invitata a sedersi dicendole, “vieni, ti insegno come respirare”.

Potrebbe funzionare anche nelle scuole italiane? Probabilmente un tentativo meriterebbe di essere fatto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”