Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Baby-killer di 16 anni rapisce, stupra e uccide una bambina di sei

Immagine di copertina

Baby-killer condannato in Scozia – È stato identificato il colpevole dell’omicidio di Alesha MacPhail, la bambina di sei anni scomparsa lo scorso luglio in Scozia: si tratta di un baby-killer di 16 anni.

La macabra storia era finita su tutti i giornali europei. La piccola Alesha MacPhail, scomparsa nel luglio 2018 durante una vacanza sull’isola di Bute, nel sud-ovest della Scozia, era stata rapita, stuprata e poi uccisa violentemente dal ragazzo.

Il giudice in aula dopo la sentenza ha detto: “Hai commesso uno dei crimini più malvagi di cui questa corte abbia mai sentito parlare in decenni di lotta contro la depravazione”. L’identità del’adolescente non è stata rivelata a causa della sua minore età ma è stato dichiarato colpevole dopo un processo di nove giorni presso l’Alta Corte di Glasgow e rischia una condanna all’ergastolo.

Fondamentale per la risoluzione delle indagini è stata l’idea della madre della bambina di esaminare le riprese di due telecamere di sorveglianza fuori dalla casa di famiglia in cui erano in vacanza e proprio lì, davanti alle telecamere, appariva tre volte la stessa figura. La bambina era stata rapita durante la notte, cosa possibile perché i genitori e Alesha dormivano in stanze separate.

Il ragazzo si era dichiarato innocente, ma il suo dna era presente sul corpo della vittima e sul suo pigiama.  C’era stato solo un precedente incontro, brevissimo, tra un membro della famiglia e il baby-killer.

Tempo prima il minorenne aveva acquistato della cannabis dal padre di Alesha, Robert MacPhail, e i due avevano poi litigato per un debito di appena dieci sterline. Un fatto avvenuto mesi e mesi prima del rapimento della bambina.

In un ultimo tentativo di salvarsi, il baby-killer aveva incolpato la ragazza di MacPhail, Toni McLachlan, visto che la diciottenne era l’ultima persona nell’appartamento ad aver visto Alesha viva, ma la donna è stata scagionata dall’inchiesta.

> LEGGI ANCHE: Cosa spinge una persona a commettere uno stupro

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid