Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Egitto, autobomba nel Sinai: 8 vittime

Immagine di copertina

Un camion dei rifiuti imbottito di esplosivo è stato lanciato contro un checkpoint nel nord del Sinai. L'attacco non è ancora stato rivendicato

Un attentatore suicida alla guida di un camion per la raccolta dei rifiuti imbottito di esplosivo si è lanciato contro un checkpoint delle forze di sicurezza egiziane nel nord della penisola del Sinai, in Egitto, uccidendo almeno otto persone e ferendone 22, lunedì 9 gennaio 2017.

L’attacco è avvenuto all’esterno di un edificio della polizia nella città di el-Arish poco dopo che alcuni miliziani con indosso maschere nere hanno sparato delle granate contro i soldati assegnati al checkpoint.

L’esplosione del camion è stata talmente potente che tre piani dell’edificio sono stati distrutti. I soccorritori hanno recuperato da sotto le macerie otto corpi, tutti tranne uno agenti di polizia, ma temono che il bilancio sia destinato a salire. I feriti sono stati trasportati in ospedale.

Due uomini non armati in servizio al posto di blocco sono rimasti illesi, ma si sono diffuse notizie non confermate secondo cui altro personale sarebbe stato sequestrato da alcuni uomini armati.

Il camion per la raccolta dei rifiuti utilizzato nell’attacco era stato sottratto qualche giorno prima e i miliziani lo hanno rinforzato con delle placche di metallo.

Sebbene l’attentato abbia tutte le caratteristiche di quelli compiuti solitamente dall’Isis, non è ancora stato rivendicato.

Il gruppo estremista ha spesso colpito le forze di sicurezza egiziane nella penisola del Sinai, dove le forze armate faticano a contenere un’insurrezione che punta a creare una provincia del sedicente Stato islamico nella regione. Si stima che nell’area siano attivi tra i mille e i 1.500 miliziani.

(qui sotto la penisola del Sinai e, indicata dal pallino rosso, la città di el-Arish)

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane