Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’autista polacco del tir usato a Berlino era incosciente al momento della strage

Immagine di copertina

Il quotidiano tedesco Bild, citando un referto autoptico, rivela che il presunto attentatore Anis Amri aveva sparato a Lukasz Urban alcune ore prima dell'attacco

Il quotidiano tedesco Bild ha riferito che l’autista polacco del tir usato per compiere la strage di Berlino del 19 dicembre 2016 era incosciente al momento dell’attacco.

Il giornale tedesco cita l’esame autoptico sul corpo dell’uomo e rivela che l’autore dell’attentato ha sparato alla testa di Lukasz Urban diverse ore prima di lanciarsi, a bordo del camion rubato, sulla folla del mercatino di Natale berlinese, uccidendo 11 persone.

Secondo quanto riferisce Bild, Urban è stato colpito tra le 16:30 e le 17:30 e ha perso molto sangue. L’attacco è avvenuto solo alcune ore dopo, intorno alle 20, e sebbene l’uomo potesse essere ancora in vita, prosegue il quotidiano tedesco, non era certo in grado di afferrare il volante e lottare col suo aggressore perché sicuramente non era cosciente.

In precedenza, il camionista polacco era stato celebrato come un eroe perché si diceva che avesse tentato di deviare l’automezzo contribuendo così a limitare il numero delle vittime.

Anis Amri, il presunto autore della strage, un 24enne tunisino, è stato ucciso da un agente di polizia italiano a Sesto San Giovanni alle prime ore del 23 dicembre: durante un controllo di routine, Amri aveva estratto la sua arma e sparato, ferendo un agente alla spalla. Il collega aveva reagito sparando a sua volta e uccidendo il giovane presunto jihadista.

Amri aveva viaggiato da Berlino fino all’Italia attraverso la Francia, ma il suo percorso effettivo è ancora da chiarire, così come le ragioni per cui non è stato identificato e fermato durante il tragitto, pur essendo stato emesso un mandato di cattura europeo con la sua foto e le sue generalità.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Putin ai leader europei: “Pronti a riprendere dialogo ma basta armi”
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Putin ai leader europei: “Pronti a riprendere dialogo ma basta armi”
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Esteri / L’aereo Ita non risponde al centro radar: allarme nei cieli della Francia
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Putin a Macron e Scholz: “Pronti al dialogo con Kiev”. L’Ue valuta missione navale per trasportare il grano ucraino
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson