Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Austria, il parlamento approva una legge per respingere i richiedenti asilo alla frontiera

Immagine di copertina

Con questo nuovo provvedimento, il governo vara misure più restrittive per le richieste d'asilo. Il ministro dell'Interno: "Non possiamo sobbarcarci tutto il peso"

Il parlamento di Vienna ha adottato oggi mercoledì 27 aprile una legge più restrittiva per le richieste d’asilo che permetterà al governo di dichiarare lo “stato di emergenza” e di respingere la maggior parte dei richiedenti asilo, inclusi quelli provenienti dalla Siria, direttamente alla frontiera.

Il gruppo a difesa dei diritti umani Amnesty International sostiene che questa legge compromette “il sacrosanto principio della protezione dei rifugiati provenienti da zone di guerra o vittime di persecuzioni”.

Il governo austriaco si difende sostenendo di essere costretto e di non avere altra scelta se le nazioni europee continuano a non voler fare la loro parte per limitare il flusso di migranti.

“Non possiamo sobbarcarci tutto il peso”, ha detto il ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka.

La proposta austriaca arriva pochi giorni dopo la vittoria al primo turno delle elezioni presidenziali dell’estrema destra anti-immigrazione.

L’Austria ha ricevuto circa 90mila richieste d’asilo nel 2015, il secondo numero più alto in Europa in rapporto alla popolazione.

A febbraio Vienna ha limitato il numero di richieste che esaminerà fino a un massimo di 80 al giorno. Una decisione considerata dal commissario per l’ immigrazione Dimitris Avramopoulos “incompatibile” con le leggi dell’Unione europea.

L’Austria inoltre ha fatto pressione sulle nazioni dei Balcani di chiudere le frontiere per impedire ai migranti di raggiungere dalla Grecia l’Europa centrale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza: 34.151 morti dal 7 ottobre. Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Iraq: Erdogan in visita a Bagdad. Iran: "Non c'è posto per le armi atomiche nella nostra dottrina nucleare"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza: 34.151 morti dal 7 ottobre. Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Iraq: Erdogan in visita a Bagdad. Iran: "Non c'è posto per le armi atomiche nella nostra dottrina nucleare"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Esteri / Michel: “Iran è una minaccia non solo per Israele, va isolato”. Teheran: “Potremmo rivedere la nostra dottrina nucleare di fronte alle minacce di Israele”