Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Da giugno l’Austria introdurrà controlli alla frontiera del Brennero con l’Italia

Immagine di copertina

La decisione fa parte della risposta sempre più dura del paese alla crisi migratoria dell’Unione Europea, in previsione dei flussi che interesseranno l'Italia

L’Austria introdurrà controlli più severi alla frontiera del Brennero con l’Italia dal 1 giugno, come parte della risposta sempre più dura del paese alla crisi migratoria dell’Unione Europea. Lo ha annunciato il ministro della Difesa austriaco, Peter Hans Doskozil. Aveva già annunciato la costruzione di una recinzione di 250 metri lungo il confine, con punti per la registrazione dei migranti. 

Dal momento che la rotta dei Balcani è stata “chiusa” in base all’accordo tra Unione europea e Turchia, Vienna ha chiuso le frontiere con l’Italia, prevedendo che nelle prossime settimane il flusso dei migranti in arrivo sulle coste italiane aumenterà sensibilmente e di conseguenza quello verso l’Austria. 

L’Austria ha annunciato che il sistema di gestione delle frontiere che introdurrà con l’Italia sarà simile a quello di Spielfeld, al confine con la Slovenia con lunghe recinzioni e controlli severi. 

Il commissario europeo per le migrazioni, Dimitri Avramopoulos, ha criticato la scelta dicendo che la barriera del Brennero non è la soluzione giusta. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”