Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Aumentano le condanne a morte

Immagine di copertina

Nel 2013 sono incrementate rispetto all'anno precedente, anche se 161 Paesi non applicano più la pena di morte

Secondo il rapporto annuale sulla pena di morte pubblicato dall’associazione italiana “Nessuno tocchi Caino“, nel 2013 sono aumentate le condanne a morte.

L’organizzazione ha stimato che l’anno scorso sono state effettuate 4.106 esecuzioni capitali in tutto il mondo, rispetto alle 3.967 del 2012. I primi tre Paesi per numero di condanne a morte sono la Cina, con 3,000 persone uccise, l’Iran con almeno 687 e l’Iraq con 172.

L’Asia, dunque, si conferma il continente con il maggior numero di esecuzioni capitali. Nelle Americhe, invece, la pena di morte è di fatto applicata solo negli Stati Uniti d’America, che si trovano al quinto posto per numero di esecuzioni con 39 persone uccise, subito dopo l’Arabia Saudita.

In Africa le condanne a morte sono state almeno 57, distribuite in cinque stati diversi: Somalia, Sudan, Sudan del Sud, Nigeria e Botswana. In Europa, invece, l’unico Paese in cui la pena di morte è in vigore è la Bielorussia.

A oggi sono 161 gli stati che hanno deciso di non applicare più la pena di morte. Di questi, 100 hanno eliminato l’esecuzione capitale dal loro codice penale, mentre altri 7 l’hanno abolita ma solo per i crimini ordinari (Brasile, Cile, El Salvador, Figi, Israele, Kazakistan e Perù). Ci sono poi altri 48 stati in cui a livello legislativo la pena di morte è ancora formalmente esistente, ma è considerata di fatto abolita, poichè non vengono praticate esecuzioni capitali da almeno dieci anni.

I metodi di esecuzioni variano da stato a stato. Se negli Stati Uniti il condannato viene fatto morire con un’iniezione letale, nei Paesi a maggioranza musulmana, l’impiccagione e la fucilazione sono i metodi più diffusi. In Arabia Saudita la condanna a morte viene eseguita tramite la decapitazione, mentre in Iran viene usata anche la lapidazione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto politico in Gb, l’ironia del Cremlino: “Speriamo in gente più professionale al governo”. E Medvedev: “Il primo è andato…”
Esteri / Regno Unito, Boris Johnson si dimette: resterà premier fino all’autunno
Esteri / Guerra in Ucraina, Isw: "Primo stop russo da inizio invasione". Zelensky: "Le armi occidentali funzionano a pieno ritmo"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto politico in Gb, l’ironia del Cremlino: “Speriamo in gente più professionale al governo”. E Medvedev: “Il primo è andato…”
Esteri / Regno Unito, Boris Johnson si dimette: resterà premier fino all’autunno
Esteri / Guerra in Ucraina, Isw: "Primo stop russo da inizio invasione". Zelensky: "Le armi occidentali funzionano a pieno ritmo"
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Esteri / Bimbo palermitano di sei anni muore a Sharm el-Sheik, ipotesi intossicazione. Il padre è in terapia intensiva
Esteri / Regno Unito, dimissioni a raffica dal governo Johnson: “Ha le ore contate”
Esteri / Forbes, Rihanna è la più giovane miliardaria degli Stati Uniti. Ma non grazie alla musica
Esteri / Cile, riceve per errore lo stipendio 330 volte, si dimette e fugge: ricercato
Esteri / Estradato dal Brasile il boss Rocco Morabito, deve scontare 30 anni di carcere
Esteri / Guerra in Ucraina, Ankara verso confisca del grano sul cargo russo. Di Maio: "Rafforzamento Nato dimostra fallimento Putin"