Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In aumento tra le donne spagnole il cancro dell’orofaringe associato al sesso orale

Immagine di copertina

In Spagna il 20 per cento dei casi di cancro dell'orofaringe è associato al papilloma virus. In Usa e Svezia il virus è stato riscontrato nel 70-90 per cento dei casi

Il numero di donne affette dal tumore orofaringeo, nella parte posteriore della bocca (base della lingua, palato molle, arco delle tonsille e la parte posteriore della cavità della bocca) associato a un’infezione da virus a trasmissione sessuale (Hpv), è in aumento negli ultimi anni, come riporta l’agenzia stampa spagnola Efe e come emerso durante il 14esimo congresso annuale della Società spagnola di chirurgia orale, che si tiene a Malaga.

Secondo quanto segnalato da Daniel Torres Lagares, professore di stomatologia presso l’università di Siviglia, alla rete televisiva Rtve, una nuova schiera di donne giovani, che non bevono né fumano e quindi non rientrano tra i soggetti a rischio, potrebbero aver contratto il virus Hpv proprio nel corso di relazioni sessuali orali.

In Spagna il 20 per cento dei cancri dell’orofaringe è associato al virus a trasmissione sessuale Hpv, anche conosciuto come Papilloma virus. In paesi quali Stati Uniti e Svezia il virus è stato riscontrato nel 70-90 per cento dei casi di tumore dell’orofaringe.

Secondo uno studio pubblicato dalla rivista Community Dentistry and Oral Epidemiology, sia il sesso orale non protetto che l’elevato numero di partner sessuali sono stati identificati come fattori di rischio nello sviluppo dei tumori all’orofaringe originati dall’infezione del papilloma virus.

Come sottolineato dall’Aooi (Associazione otorinolaringologi ospedalieri italiani) una percentuale compresa tra il 32 e il 36 per cento dei pazienti contrae il tumore orofaringeo a causa del sesso orale non protetto. La malattia può essere causata, oltre che dal papilloma virus a trasmissione sessuale, anche da fumo, alcol e da una cattiva igiene orale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Esteri / Ucraina, referendum in Donbass: vincono i sì con oltre il 90%
Esteri / Iran, la minaccia della polizia per piegare la rivoluzione: “Useremo tutta la forza”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Esteri / Ucraina, referendum in Donbass: vincono i sì con oltre il 90%
Esteri / Iran, la minaccia della polizia per piegare la rivoluzione: “Useremo tutta la forza”
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare