Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’attore rom che per sfamare la sua famiglia ha venduto il premio vinto a Berlino

Immagine di copertina

Nazif Mujic ha rivenduto per 4mila euro l'Orso d'Argento conquistato al festival internazionale del cinema per la sua interpretazione

Nel 2013 l’attore rom Nazif Mujic aveva vinto l’Orso d’Argento al festival internazionale di Berlino per il film “Un episodio della vita di un raccoglitore di ferro”.

Una pellicola nella quale il regista bosniaco Danis Tanovic, premio Oscar nel 2002, fa rivivere l’odissea del poverissimo rom disoccupato che non ha i soldi per salvare la moglie da una setticemia – interpretata dall’attrice Senada Alimanovic – mentre i medici si rifiutano di curarla poiché non possiede la tessera sanitaria. 

Una storia senza lieto fine quella di Nazir Mujic che a fine dicembre 2016 ha annunciato su Facebook di dover vendere la prestigiosa statuetta a causa dell’estrema povertà in cui versa la sua famiglia. 

Dalla vendita ha ricavato solo 4mila euro offerti da Senadin Corsic, il proprietario di un bar che ha voluto aiutare lo sfortunato attore.

Prima di giungere a questa decisione, Nazif aveva provato a vendere la sua auto e altri oggetti di valore per sfamare la famiglia. “Ho dovuto vendere la statuetta – ha detto Mujic – perché i miei figli non avevano da mangiare”.

Quando ha fatto rientro nella sua natale Svatovac, presso Tuzla, ha raccontato che: “tutti volevano farsi fotografare con me e la statuetta dell’Orso, ma quando ho avuto bisogno d’aiuto non si è fatto vedere nessuno”. 

Con i 4mila euro raccolti dalla vendita della statuetta, Nazif è riuscito appena a pagare le bollette elettriche e a saldare qualche altro debito accumulato in un negozio di alimentari.

Con il denaro rimasto ha poi acquistato un biglietto per partecipare alla prossima edizione del festival del cinema di Berlino e raccontare come ha vissuto la sua famiglia dopo aver ottenuto quel premio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane