Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nuova Zelanda, l’attentatore rifiuta l’avvocato: “Mi difendo da solo”, ma si teme un processo-propaganda

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Brenton Tarrant, il terrorista che il 15 marzo 2019 ha ucciso 50 persone in un attacco a due moschee in Nuova Zelanda, ha rinunciato all’avvocato e si difenderà da solo. Ad annunciarlo è Richard Peters, il legale d’ufficio licenziato da Tarrant.

Peters, che ha difeso Tarrant nella sua prima apparizione davanti ai giudici il giorno successivo all’attentato, ha detto che l’uomo gli è sembrato lucido e mentalmente stabile. “Sembrava capire quello che stava succedendo”, ha aggiunto il legale.

Tarrant dovrà comparire davanti ai giudici il prossimo 5 aprile.

Il timore, secondo i media neozelandesi, è che l’uomo voglia usare il processo come strumento di propaganda suprematista. L’uomo prima dell’attacco contro le due moschee, aveva pubblicato un manifesto di 74 pagine contro i migranti.

Il documento è stato rimosso, ma TPI è riuscito a recuperarlo e a leggerne il contenuto.

Il testo intitolato “La grande sostituzione. Verso una nuova società, marciamo sempre in avanti” si apre con un cerchio diviso in otto parti: in ognuna è riportata una scritta e un’immagine che riassume i valori a cui l’uomo si ispira.

Chi è Brenton Tarrant, uno degli attentatori alle due moschee in Nuova Zelanda

“Anti-imperialismo, protezione della cultura, giustizia e ordine”, sono alcuni degli slogan del manifesto.

Nel documento si legge anche che l’attentatore, che in una parte del suo manifesto ha realizzato un’intervista a se stesso, afferma di essere un sostenitore del presidente americano Donald Trump.

Durante la prima udienza in tribunale davanti ai giudici Tarrant ha fatto il saluto suprematista, oltre a gesti sprezzanti e di scherno nei confronti dei giornalisti in aula.

Il governo neozelandese intanto ha annunciato che introdurrà modifiche alla legge sul possesso di armi, come ha detto la premier Jacinda Ardern. Per i dettagli si dovrà aspettare il 25 marzo.

In Nuova Zelanda attualmente si può possedere un’arma già a 16 anni, 18 se si tratta di armi automatiche in stile militare e non ci sono limiti al numero di armi che si possono avere.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Ti potrebbe interessare
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese