Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Oltre 70 persone sono state uccise in una serie di attentati in Afghanistan

Immagine di copertina
Credit: Afp

Sotto attacco una sede provinciale della polizia afgana, nel sudest del paese, e la provincia centrale di Ghazni. I talebani hanno rivendicato la responsabilità

Una serie di attacchi hanno provocato la morte di almeno 70 persone in Afghanistan martedì 17 ottobre 2017. Gli attentani, rivendicati dai talebani, sono avvenuti presso una sede provinciale della polizia afgana, nel sudest del paese, e nella provincia centrale di Ghazni.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Secondo il giornale britannico The Guardiani morti sono almeno 74. L’agenzia di stampa Reuters scrive invece di almeno 69 vittime.

L’attacco, iniziato alle 9.30, è proseguito per le quattro ore successive. Sette attentatori sono stati complessivamente coinvolti. 

L’attacco che ha provocato un numero maggiore di vittime è quello avvenuto presso il quartier generale della polizia a Gardez, capoluogo della provincia di Paktia, dove due autobombe hanno aperto la strada ad alcuni uomini armati, che hanno aperto il fuoco nell’area.

Almeno 21 poliziotti e 20 civili sono rimasti uccisi, incluso il capo della polizia provinciale. Altri 48 poliziotti e 110 civili invece sono rimasti feriti, secondo il ministero dell’Interno. Le forze di sicurezza hanno ucciso almeno cinque attentatori.

La responsabilità dell’attacco è stata rivendicata dai talebani, che vogliono reintrodurre la legge islamica nel paese dopo l’invasione statunitense del 2001.

Su Twitter il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahed ha rivendicato l’attacco di Paktia e ha dichiarato che l’unità speciale di polizia era l’obiettivo dell’attentato; fino a 450 poliziotti si trovavano nell’edificio al momento dell’attacco.

I talebani hanno compiuto altri attacchi nella provincia centrale di Ghazni, a meno di 160 chilometri dalla capitale Kabul. In una dichiarazione rilasciata martedì, l’amministrazione provinciale ha detto che i miliziani hanno fatto saltare in aria un veicolo corazzato all’ingresso dell’amministrazione distrettuale di Andar nelle prime ore del mattino e hanno poi condotto un attacco a fuoco.

Non è ancora chiaro il numero delle vittime di questo secondo attacco. Secondo Aljazeera, si temono fino a 30 morti, la maggior parte dei quali sarebbero poliziotti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, al via esercitazioni con Finlandia e Svezia
Esteri / Usa, due sparatorie in poche ore: in California aggressione armata in chiesa e in un mercatino a Houston
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Negoziati su Azovstal, anche per uscita militari”. Stoltenberg: “Kiev può vincere questa guerra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, al via esercitazioni con Finlandia e Svezia
Esteri / Usa, due sparatorie in poche ore: in California aggressione armata in chiesa e in un mercatino a Houston
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Negoziati su Azovstal, anche per uscita militari”. Stoltenberg: “Kiev può vincere questa guerra”
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”
Esteri / Strage di Buffalo, anche Luca Traini tra i modelli citati dal 18enne suprematista bianco
Esteri / Britney Spears annuncia di aver perso il bambino che aspettava con Sam Ashgari
Esteri / Ucraina: i corpi di soldati russi caricati sui treni frigo | VIDEO
Esteri / Croazia, abortire è quasi impossibile: migliaia in piazza per protestare contro i medici obiettori
Esteri / “Non avvicinatevi al tavolo…”: la “vendetta” dei Maneskin verso la Francia
Esteri / In nomine Putin: Kirill, il chierichetto dello Zar che giustifica la guerra in Ucraina