Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

4 attentati in diverse città della Siria, 30 morti

Immagine di copertina

Le esplosioni si sono registrate nella città di Homs, Tartus, Damasco e ad Hassakeh, sotto il controllo dei curdi. Sono almeno 45 i feriti dei molteplici attacchi

Lunedì 5 settembre almeno 30 persone sono rimaste uccise in una serie di esplosioni in diverse città della Siria sotto il controllo governativo e in un’area controllata dai curdi. Lo hanno reso noto i media di stato.

Le esplosioni hanno colpito la città costiera di Tartus, Homs, la capitale Damasco e Hassakeh nell’area nord-orientale della Siria, controllata dai curdi ma in cui le autorità del regime mantengono una presenza.

La maggior parte delle vittime sono state uccise negli attacchi a Tartus, sede della principale base aerea russa in Siria. Nel duplice attentato sono morte almeno undici persone e altre 45 sono rimaste ferite.

Fonti locali citate dall’agenzia di stampa AFP hanno riferito che una prima autobomba è esplosa su un ponte. Il secondo attacco, invece, è avvenuto per mano di un attentatore suicida che si è fatto esplodere mentre i soccorritori sono giunti sul luogo per aiutare le vittime. 

La città costiera che si affaccia sul Mediterraneo era già stata colpita dai bombardamenti da parte dei miliziani dell’Isis nel mese di maggio. 

Altre otto persone sono morte ad Hassakeh in un attacco contro un posto di controllo delle forze curde, mentre due persone hanno perso la vita e altre sette sono rimaste ferite ad al-Zahra, quartiere alawita di Homs. 

Nel frattempo, i colloqui tra Stati Uniti e Russia a margine del vertice del G20 in Cina non sono riusciti a raggiungere un accordo su un cessate il fuoco temporaneo in Siria. Lo hanno reso noto funzionari americani. 

Tuttavia, il presidente russo Vladimir Putin e il presidente americano Barack Obama hanno annunciato che avrebbero continuato a cercare un accordo per il cessate il fuoco globale, secondo quanto riferito da Associated Press citando un alto funzionario americano che ha voluto mantenere l’anonimato. 

Le due parti hanno cercato di concordare i termini per un cessate il fuoco parziale che consenta di far pervenire aiuti nelle aree governative assediate di Aleppo. 

—LEGGI ANCHE: Le conseguenze di cinque anni di conflitto in Siria

Il video promozionale lanciato dal governo per attirare i turisti in vacanza in Siria

Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo